Capri The Island of Art

Pubblicato il da Martapix

Capri The Island of Art

Da meta vip a piccola capitale dell'arte contemporanea: è la metamorfosi dell'isola di Capri, che fino al 5 ottobre è la location di più di 25 interventi d’arte – tra sculture, installazioni audio e video, proiezioni in notturna, esposizioni, performance -, 40 artisti coinvolti, italiani e internazionali, e un percorso espositivo che si snoda su tutta l’isola: dalla medievale Certosa di San Giacomo al celebre Belvedere di Tragara, passando per case e terrazze private, cortili e giardini di grandi alberghi. Per un mese, il progetto Capri The Island of Art porta sull’isola i linguaggi contemporanei dell’arte in un percorso ideale, diffuso sul territorio dei comuni di Capri e Anacapri, pensato per coinvolgere il pubblico, anche quello più frettoloso e distratto, e favorire così nuovi approcci culturali e sensoriali ai luoghi dell’isola. Per un mese Capri diventa spazio di sperimentazione artistica, galleria diffusa, indoor e open air, luogo di incontro e confronto tra artisti e linguaggi diversi: scultura, pittura, fotografia, net art, audio e video art, performance.

Il progetto, promosso da Liquid Art System e prodotto da Franco Senesi, con la direzione artistica di Marco Izzolino, il supporto del Comune di Capri e del Comune di Anacapri, è un’edizione zero, d’esordio, ma con una mission precisa: ridare all’isola una centralità artistica internazionale.

Tutti i progetti sono stati ideati dagli artisti per interagire con la comunità locale ed adattarsi al territorio. Questa edizione d’esordio, infatti, è nata per iniziare a sperimentare le possibilità di una mostra che si estende a tutta l’isola. I luoghi e le persone di Capri ed Anacapri diventeranno parte integrante degli interventi artistici e non è da escludere che il risultato finale di ogni singola installazione possa superare le intenzioni stesse degli artisti. Altri progetti invece, inizialmente studiati e sperimentati sul territorio già da quest’anno, vedranno la loro piena realizzazione soltanto l’anno prossimo. Il tutto nell’ottica di una sperimentazione ed un dialogo col territorio che inizia da questa edizione.

Per saperne di più, consultare il sito capritheislandofart.org