Sicurezza in viaggio, dritte e consigli utili

Pubblicato il da Maria Grazia Casella

Prevenire è sempre meglio che curare, soprattutto quando si viaggia. Già, perché gli imprevisti sono i peggiori nemici dei viaggiatori e può bastare un bagaglio smarrito o un banale infortunio per compromettere un viaggio di lavoro o la vacanza a lungo sognata. Per non parlare delle conseguenze economiche di un incidente o di un'indisposizione all'estero, che in alcuni paesi, come per esempio gli Stati Uniti, possono essere davvero onerose. Per non avere spiacevoli sorprese, o quantomeno limitarle al massimo, è sufficiente seguire qualche semplice regola di buon senso nella fase di preparazione del viaggio.

  1. Regola numero uno di ogni viaggiatore: assicuratevi di avere il passaporto valido. Sembra scontato, ma non lo è. Mentre invece non ci sono sconti per chi si presenta al check-in in aeroporto con il documento scaduto: rimane a terra senza appello, perdendo il volo e rimettendoci pure i soldi del biglietto. Inoltre, nel caso sia necessario il visto, attivatevi per tempo per richiederlo al Consolato del paese di destinazione, senza aspettare gli ultimi giorni, col rischio di dover sborsare la sovrattassa per la procedura d'urgenza.

    Prima di partire, ricordatevi di fare una fotocopia dei documenti personali e di viaggio che terrete separati dagli originali, in modo da averli a disposizione in caso di furto o perdita.

  2. Prima della partenza, visitate il sito ViaggiareSicuri.it a cura dell'Unità di Crisi del Ministero degli Esteri per verificare le condizioni di sicurezza del paese in cui vi state recando. Anche se la vostra meta non figura nell'elenco degli stati in cui è in vigore il fatidico “sconsiglio”, date comunque un'occhiata alla scheda del paese in cui sono riportate informazioni utili, relative anche alla situazione sanitaria locale. Già che ci siete, appuntatevi i numeri di emergenza medica locali, in modo da averli sempre a portata di mano, non si sa mai.

    Se viaggiate da soli o siete in partenza per una meta considerata comunque poco sicura, registratevi sul sito DoveSiamonelMondo.it della Farnesina, per poter essere tempestivamente rintracciati in caso di grave emergenza sociale o sanitaria.

  3. E a proposito di salute: vi siete vaccinati? Ormai sono pochi i paesi in cui è richiesta la vaccinazione obbligatoria, ma se la vostra meta si trova nella fascia tropicale e prevedete una permanenza prolungata, verificate con il vostro ufficio d'igiene la necessità o meno di vaccinarvi contro la febbre gialla o di rinnovare le vaccinazioni ordinarie come difterite, tetano o febbre tifoidea. Mentre se avete in programma un safari in Africa, assicuratevi che si svolga in una zona malaria free. In caso contrario, informatevi con il vostro medico sulle misure di profilassi o dotatevi di prescrizione medica per il trattamento antimalarico.

  4. Mettete in valigia i farmaci che utilizzate abitualmente, difficili da trovare in loco in caso di necessità, oltre ad antipiretici, fermenti lattici e disinfettanti intestinali, che possono sempre tornare utili. Così come un repellente per gli insetti per prevenire pericolose punture che possono verificarsi in ogni circostanza.

  5. A questo punto, per partire davvero tranquilli, non vi resta che un'ultima cosa da fare: stipulare una polizza di viaggio che vi garantisca assistenza e copertura delle spese mediche, con un massimale sufficientemente elevato, ma anche l'eventuale rimpatrio aereo, se necessario. Tra le tante offerte sul mercato, meglio rivolgersi a una compagnia specializzata nelle assicurazioni di viaggi e servizi alla persona, come per esempio Allianz Global Assistance, che propone un'ampia gamma di polizze dedicate proprio ai viaggiatori (per vacanza, lavoro, studio), in grado di far fronte a qualsiasi tipo di rischio si possa correre in viaggio, dal semplice week-end in montagna al viaggio dall'altra parte del mondo. Il bello è che potete comodamente stipularle online, collegandovi al sito e pagando con carta di credito. Basta inserire i propri dati per avere un preventivo personalizzato e scoprire la polizza più adatta alle vostre esigenze. Pochi click e la vacanza è assicurata.

Commenta il post