Vacanza di lusso a Gerusalemme

Pubblicato il da Maria Grazia Casella

Rooftop Outdoor Lounge & Restaurant del Mamilla Hotel
Rooftop Outdoor Lounge & Restaurant del Mamilla Hotel

Scommetto che non avete mai pensato a Israele come a una luxury destination. Nemmeno io, a essere sincera. Almeno fino a poco tempo fa. E invece durante il mio ultimo viaggio ho scoperto che in Israele è tutto un fiorire di alberghi deluxe, ristoranti gourmet, boutique di grandi griffe e Spa esclusive. Insomma, nel giro di pochi anni, la mappa di Israele si è arricchita di indirizzi très chic tutti da provare. Ecco i migliori a Gerusalemme.

Qui si dorme da re

Il top è sempre il leggendario King David Hotel, situato nell'esclusivo quartiere di Yemin Moshe, a due passi dalla Città Vecchia e dai quartieri moderni. E' famoso per il suo mix di eleganza e stile impeccabile. Spesso teatro di eventi epocali che hanno segnato la storia moderna del Medio Oriente, ha ospitato capi di stato, presidenti, re e regine e celebrities di ogni tipo. Per un soggiorno da re, prenotate una delle suite, tutte con magnifica vista sulla città vecchia. Per un pomeriggio di relax, approfittate invece della nuova piscina immersa in uno dei più suggestivi giardini di Gerusalemme.

In un edificio in stile ottomano d'inizio '900 vicino alla Città Vecchia è ambientato anche il lussuoso Waldorf Astoria, aperto da poco più di un anno. Qui siete accolti in un ambiente dal sapore storico, ma con tutte le più moderne comodità. Davvero spettacolare è l'atrium open-space ravvivato da piante e magnifiche composizioni floreali. La location non potrebbe essere migliore. E' comodo sia per le visite alla Città Vecchia, lo shopping all'Alrov Mamilla mall o una passeggiata nel verde dell'Independence Park.

Altra new entry nel panorama alberghiero della capitale è il Mamilla, design hotel con un inconfondibile italian touch. Infatti è firmato dall'architetto Piero Lissoni. Più che un semplice hotel, il Mamilla è un luogo da vivere day&night. Tra un pranzo al Rooftop Outdoor Lounge & Restaurant con vista mozzafiato sulla città vecchia, un pomeriggio di trattamenti nella Spa dell'Akasha Wellbeing Center, una cena kosher al Mamilla Café and Brasserie, per poi proseguire la serata con un cocktail al Mirror Bar. Insomma, entrate e non vorrete più uscire.

Lasciatevi coccolare nelle Spa deluxe

Eletta Migliore Nuova Spa dal magazine Condé Nast Traveler, la Spa dell'Akasha Wellbeing Center è esattamente ciò che ti aspetteresti di trovare in un lussuoso hotel di design. Un ambiente rilassato e contemporaneo, addolcito da musica soft di sottofondo e suddiviso in aree dedicate ai quattro elementi: terra, aria, fuoco e acqua. Abbandonatevi ai loro trattamenti olistici, mix di massaggi, riflessologia e tecniche reiki, e ritroverete il perfetto equilibrio tra corpo, mente e spirito.

Una spettacolare Spa di 2000 metri quadrati è il fiore all'occhiello del nuovo Cramim Resort and Spa che sorge sulle colline della Giudea, a una decina di minuti dal centro di Gerusalemme. Verrete accolti in ambienti di grande atmosfera, con grandi vetrate panoramiche affacciate sul verde e i colli che circondano Gerusalemme. Davvero molto rilassante. Il menu dei trattamenti si basa sull'esclusiva vinoterapia e spazia dai massaggi al fitness, dalle tecniche di rilassamento alla cosmetica.

Gustate la “cucina biblica”

Giovani chef talentuosi hanno trasformato la scena culinaria israeliana in una meta gourmand, dove gustare una cucina innovativa e, a volte, addirittura stupefacente. Prendete, L'Eucaliptus, per esempio, e preparatevi a vivere un'esperienza gastronomica davvero unica. Accomodatevi nella magica cornice di un antico edificio di Hutzot Hayotzer, il quartiere degli artisti, e fatevi guidare dal pluripremiato chef Moshe Basson alla scoperta della sua “cucina biblica”. In menu piatti che accendono la curiosità, oltre che l'appetito. Come lo stufato di lenticchie rosse di Giacobbe ed Esau, l'Hubeza – insalata tiepida preparata nello stile dell'assedio di Gerusalemme e il Couscous biblico dei tempi di Re Salomone.

Il Machneyuda è il ristorante più acclamato del momento. Prende il nome, oltre che gli ingredienti sempre freschissimi, dal vicino mercato Mahaneh Yehuda. Se riuscite ad aggiudicarvi un tavolo nonostante la chilometrica lista d'attesa, avrete il privilegio di gustare gli innovativi piatti d'ispirazione mediterranea dei tre chef star Yossi Elad, Asaf Granit e Uri Navon. Come il Kebab destrutturato con yogurt di tehina o il risotto ai frutti di mare con pomodori secchi, cozze e formaggio di capra, preparati nella cucina a vista, dove va in scena uno show-cooking no-stop.

Commenta il post