In viaggio con gli audiobook di Audible

Pubblicato il da Maria Grazia Casella

Audiolibri Audible
Audiolibri Audible

Macchina fotografica e un buon libro sono da sempre i miei inseparabili compagni di viaggio. #PlayAudible

Ma se la prima è sempre la stessa, ormai da anni, il libro ovviamente cambia a ogni partenza e la sua scelta non è mai casuale. In genere prediligo storie ambientate o che comunque abbiano qualche legame con il paese che sto per visitare.

Non necessariamente diari di viaggio, quindi, ma titoli che in qualche modo mi aiutino a comprendere meglio la complessità storica e culturale della destinazione. E se nell'era dei libri cartacei dovevo trattenermi dal riempire la valigia di volumi, da quando ci sono gli ebook è tutta un'altra storia e non mi sembra vero di potermi portare appresso ogni volta una piccola libreria personalizzata.

Quest'estate, poi, ho scoperto gli audiobook, cioè i libri che si ascoltano, e mi si è aperto un mondo. Un amico mi ha parlato di Audible, leader mondiale dell'intrattenimento audio digitale che fa parte del gruppo Amazon, sbarcato in Italia da pochi mesi con un catalogo di circa 12.000 titoli. E visto che ero in partenza per le vacanze, incuriosita, ho voluto provarlo subito.

Il funzionamento è semplice come scaricare un'app. Quella di Audible la trovate su App Store, Google Play e Windows e vi consente di ascoltare sul tablet o sullo smartphone migliaia di contenuti audio quando e dove volete, anche se non siete collegati a Internet.

Con l'offerta “all you can listen” avete accesso illimitato all'intero catalogo: i primi 30 giorni di utilizzo sono gratuiti, in seguito l’abbonamento si rinnova al costo di 9,99 € al mese.

Per accedervi non dovete fare altro che creare un account. Se però, come me, siete già clienti di Amazon, vi basterà loggarvi con le vostre credenziali, quindi inserite i dati della vostra carta di credito e selezionate il vostro primo audio-book.

Audiolibri Audible

Audiolibri Audible

E qui comincia il bello, perché la scelta è davvero ampia. Se avete già in mente un titolo o un autore, potete fare una ricerca mirata. Altrimenti fatevi ispirare dalle categorie che raggruppano i titoli per genere. Ce n'è davvero per tutti i gusti: letteratura e narrativa, gialli e thriller, romanzi d'amore, saggi, classici e anche libri per bambini e ragazzi. Non mancano poi i volumi in lingua straniera, soprattutto Inglese e Spagnolo, utili anche per tenersi in allenamento linguistico.

La mia esplorazione è partita proprio dalle categorie e devo dire che scorrendo i titoli in catalogo mi veniva voglia di scaricarli anche solo per ascoltare l'interpretazione dei vari narratori. Ho scoperto che ci sono non solo attori di rango, ma anche insospettabili celebrities che hanno prestato la loro voce a questa iniziativa. Come Francesco De Gregori, per esempio, che legge America di Kafka; Claudio Santamaria che si misura con il Grande Gatsby di F.Scott Fitzgerald; Paola Cortellesi in Ragione e Sentimento di Jane Austen; Gianrico Carofiglio che legge...Carofiglio in Ragionevoli Dubbi.

Il mio primo download è stato “Acapulco” di Pino Cacucci, uno dei miei autori preferiti, appena uscito ad agosto in versione audio. Non proprio un diario di viaggio in senso classico, quanto piuttosto un collage di storie e racconti ambientati tra passato e presente in quella che negli anni ruggenti era considerata la “baia più bella del mondo”. Durante gli inevitabili tempi morti del viaggio, come l'attesa in aeroporto e il volo, la voce suadente di Antonio Carli, il narratore, mi ha letteralmente catapultata nell'atmosfera latina dell'Acapulco dei tempi d'oro.

Così, non ci ho pensato due volte e mi sono scaricata a ruota anche gli altri due libri dello stesso autore: “Campeche”, una full-immersion nel Messico meno noto, tra luoghi suggestivi e popolazioni indigene, eTijuanaland”, ambientato nella città di frontiera in bilico tra modernità e antiche tradizioni. E pazienza se la mia destinazione, stavolta, non era il Messico. Questi audiobook, comunque, mi hanno fatto venire una voglia matta di tornarci presto.

Commenta il post