I nuovi Relais & Châteaux italiani da prenotare per San Valentino

Pubblicato il da Saretta80

Ci sono anche due indirizzi d'eccellenza italiani tra i 22 nuovi ristoranti gourmet e dimore di charme entrati in questi giorni a fare parte della famiglia Relais & Châteaux. Due hotel di grande fascino, perfetti per una fuga romantica, magari da prenotare già per San Valentino.

Una camera del Castello di Guarene

Una camera del Castello di Guarene

Il primo è il Castello di Guarene, a pochi chilometri da Alba, che arricchisce la collezione italiana di dimore Relais & Chateaux con la sua suggestiva architettura settecentesca e il meraviglioso giardino all’italiana affacciato sulle Langhe, riconosciute come Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Il ristorante del Castello di Guarene

Il ristorante del Castello di Guarene

Luogo di innegabile fascino e richiamo storico, costituisce una tappa fondamentale dell’itinerario del Barocco Piemontese. La Spa del Castello, con piscina naturale scavata nella roccia, è parte integrante della bellezza del luogo mentre l’antica sapienza gastronomica del Roero e delle Langhe rivive nella carta del ristorante che si distingue per la selezione rigorosa delle materie prime, locali e auto-prodotte, e per la creatività delle proposte culinarie.

La Sommità di Ostuni

La Sommità di Ostuni

L'altra new entry italiana della famiglia Relais & Châteaux è La Sommità di Ostuni, esclusiva oasi di pace devota all’Arte dell’ospitalità. Ricavata in una dimora storica del cinquecento, si inserisce armonicamente nel centro storico della città e rappresenta un luogo privilegiato di distensione e scoperta delle tradizioni della suggestiva "Città Bianca".

Una camera de La Sommità di Ostuni

Una camera de La Sommità di Ostuni

Nel suo ristorante Cielo, che vanta 1 stella Michelin, Chef Andrea Cannalire conquista gli ospiti con una cucina pugliese raffinata e reinventata: un’esperienza del gusto da vivere sotto le volte in pietra del ristorante o all’aria aperta, tra gli ulivi e gli aranci del giardino spagnolo.

Commenta il post