Il Festival dei Giardini della Costa Azzurra

Pubblicato il da Maria Grazia Casella

A primavera la Costa Azzurra è un'esplosione di colori e profumi. Quest'anno più che mai, visto che le sue spettacolari fioriture sono protagoniste del primo Festival dei Giardini della Costa Azzurra. Per tutto il mese di Aprile non soltanto potrete visitare gli 80 incantevoli giardini della regione aperti al pubblico, ma anche i 10 giardini effimeri sul tema del “Risveglio dei Sensi”, creati appositamente per il Festival IN in cinque località tra le più fascinose della riviera francese, e partecipare al ricco calendario di eventi, animazioni, visite guidate, mostre e laboratori di giardinaggio del Festival OFF.

Quanto basta per riempire un week-end di primavera all'insegna del verde e dell'art-de-vivre, lungo un itinerario di charme, lasciandovi guidare dagli aromi delle tipiche essenze mediterranee e dal tripudio di colori e profumi delle magnifiche fioriture che fanno della Costa Azzurra uno straordinario giardino.

Il Festival dei Giardini della Costa Azzurra

Mentone : Giardini Biovès

Arrivando dall'Italia, la prima sosta è a Mentone, la città dei limoni, famosa per le sue aree botaniche già nel XVIII secolo. Qui potete visitare i primi giardini effimeri ai Giardini Biovès, situati al centro della città, che portano il nome del sindaco di Mentone alla fine del XIX° secolo. Allestita sulla copertura del fiume Careï, questa passeggiata di 800 metri sfoggia, lungo tutto l’anno, prati fioriti, essenze esotiche, sculture e fontane.

Un circuito di giardini eccezionali, organizzato dal servizio del Patrimonio, vi consente di scoprire altri magnifici spazi, dal giardino Serre de la Madone ai Giardini di Colombières e di Fontana Rosa, tutti esempi concreti della valorizzazione del patrimonio botanico.

Il Festival dei Giardini della Costa Azzurra

Nizza : Giardino Albert I sulla Promenade du Paillon

Quasi 300 ettari di parchi e giardini disegnano paesaggi inediti e onirici in quella che ha l’ambizione di diventare la “Città verde del Mediterraneo”, dove la dolcezza del clima ha permesso l’acclimatazione di numerose specie vegetali dal mondo intero. Ed è proprio un viaggio botanico attraverso i continenti la Passeggiata del Paillon, dove sono ambientati i due giardini effimeri. Ovviamente il Mediterraneo è largamente presente con le verdi querce, i maestosi pini a ombrello e i cipressi di Provenza, in un percorso verde che corre lungo tutta la Promenade, rigoglioso di ulivi, di vigne, di carrubi, melograni, fichi e altre piante del sud dell’Europa.

 

Antibes Juan-les-Pins : Pineta Gould

Il parco della Villa Eilenroc, il roseto, Cap d’Antibes, l’espace Mer et Littoral, la Villa Thuret e il parco Exflora, ad Antibes Juan-les-Pins il verde è praticamente ovunque. Ovviamente la zona più suggestiva è quella del celebre Cap d’Antibes, la cui passeggiata inizia accanto alla Pineta Gould, che tanto affascinò i primi abitanti con i suoi pini a ombrello, oggi centenari, i sinuosi sentieri e la vista strepitosa sul mar Mediterraneo. La cornice ideale per due dei giardini effimeri del Festival.

Il Festival dei Giardini della Costa Azzurra

Cannes : Giardino di Villa Rothschild

Incastonata in una cornice naturale unica, tra la baia, le isole e le colline, Cannes è a tutti gli effetti una città-giardino. Passeggiando per la città, di certo noterete l'elegante Villa Rothschild, che fin dalla sua costruzione è stata un luogo di culto della vita mondana. Nel suo delizioso giardino paesaggistico, rinfrescato da una cascatella alimentata dalla Siagne, potete scoprire due giardini effimeri che partecipano al Festival, oltre a numerose varietà di essenze rare, tra cui cyca, palme e conifere. A breve distanza sorge il Barrière Le Majestic Cannes, uno dei leggendari palace hotel della Croisette dall'accoglienza stellare: la sistemazione ideale da cui partire alla scoperta delle tante attrazioni del Festival dei Giardini della Costa Azzurra.

Il Festival dei Giardini della Costa Azzurra

Grasse : Giardino della Villa Fragonard

Certo in questo itinerario non può mancare una sosta a Grasse, la capitale del profumo. Un'attività, quella dei profumieri, che presto potrebbe essere riconosciuta dall’UNESCO quale parte del patrimonio immateriale per il “savoir-faire delle piante da profumo”. E dove ci sono profumi ci sono fiori, quindi giardini. E quelli di Grasse, vi assicuro, sono da vedere anche solo per le meraviglie floreali e botaniche che vi prosperano. Tra i più noti, lo splendido Giardino Botanico Fragonard, che si inserisce armoniosamente nello scenario prestigioso della celebre fabbrica dei profumi e ospita due creazioni del 1°Festival dei Giardini della Costa Azzurra.

Commenta il post