A cena dalla nonna, a Mauritius

Pubblicato il da Maria Grazia Casella

A cena dalla nonna, a Mauritius

L’incontro con le popolazioni e la scoperta delle tradizioni locali, soprattutto culinarie, sono le esperienze più preziose di un viaggio, quelle che poi si trasformano in ricordi indelebili. Non sempre, però, è facile entrare in contatto con la gente del luogo, essere accolti nelle loro case, condividerne la quotidianità, anche se per brevi momenti.

Ecco perché è particolarmente intrigante, e merita di essere segnalata e promossa, l’iniziativa Grandma’s Kitchen del Shanti Maurice, elegante boutique resort nel sud dell’isola di Mauritius, che offre ai propri ospiti l’opportunità di essere invitati a cena a casa di una nonna mauriziana e di gustare la vera cucina casalinga locale, imparandone segreti e ricette.

L’esperienza non si limita infatti soltanto alla cena, ma contempla tutta la fase preliminare, dalla spesa al mercato del villaggio, dove si accompagna la nonna nella scelta degli ingredienti migliori, alla preparazione vera e propria dei piatti tipici come l’agnello con cannella, salsa di soja e zenzero; il curry di pesce con spezie locali; la Pinepple Bomb, un dolce rinfrescante a base di zucchero, ananas, uova e crema. E al momento del congedo, la consegna di un ricettario scritto a mano suggellerà un incontro diventato un momento di vera comunione e dialogo, da portare a casa come il miglior ricordo della vacanza.

Per gli ospiti di Shanti Maurice il prezzo della cena è di Euro 25, 5 dei quali saranno devoluti alla fondazione Grandma’s Shanti Home, che si occupa sia di assistere gli anziani in difficoltà, sia di aiutare i bambini portatori di handicap.

Commenta il post