Dublin Contemporary 2011, city break nel segno dell’arte in Irlanda

Pubblicato il da Emmegì

Dublin Contemporary 2011, city break nel segno dell’arte in Irlanda

Già famosa per la vivacità della sua scena culturale, Dublino è la meta ideale per un city break d’inizio autunno all’insegna dell’arte. Quest’anno infatti la capitale irlandese si accinge a rafforzare ulteriormente la sua immagine di polo culturale europeo con Dublin Contemporary 2011, un’ambiziosa mostra d’arte contemporanea dedicata alla più recente produzione artistica irlandese e internazionale che trasformerà, dal 6 settembre al 31 ottobre, la città stessa in un’unica, dinamica galleria d’arte con istallazioni, video, dipinti, sculture e performance di oltre 80 artisti provenienti da tutto il mondo, tra i quali gli italiani Alberto Di Fabio e Ludovica Carbotta, nonché il maestro Jannis Kounellis, che, pur se greco di origine, vive e lavora in Italia dal 1956. L’evento si terrà in varie sedi, tutte nel cuore della città, a cominciare dal sito principale, cioè Earlsfort Terrace, uno straordinario edificio storico in cui il passato si coniuga mirabilmente con il futuro. L’itinerario artistico prosegue ai vicini The Annex, Iveagh Gardens, Royal Hibernian Academy e Douglas Hyde Gallery at Trinity College. Il tema della mostra è Terrible Beauty – Art, Crisis and The Office of Non-Compliance, un titolo tratto dalla celebre poesia Easter 1916 del grande W.B.Yeats, sottolineando la stretta relazione tra i versi dell’autore, scritti in un momento cruciale del ‘900, e la potenza simbolica dell’arte nell’attuale e controversa realtà sociale, culturale ed economica del mondo.

La mostra, la più importante del genere mai realizzata in Irlanda, avrà una cadenza quinquennale, andandosi così a posizionare accanto ai grandi eventi periodici europei, quali la Biennale di Venezia e Documenta di Kassel, ma con qualcosa in più rispetto a quelle, e cioè quel senso di festa gioiosa e animazione che caratterizza tutti gli avvenimenti della città irlandese.

www.dublincontemporary.com

Commenta il post