La top 5 delle migliori città universitarie d’Europa

Pubblicato il

La top 5 delle migliori città universitarie d’Europa

Autunno, si torna a scuola e dopo la pausa estiva le città universitarie europee tornano ad animarsi di studenti di diverse nazionalità che partecipano ai vari progetti Erasmus o Socrates, scegliendo di passare un periodo della propria vita in un paese diverso dal proprio, per imparare una lingua e apprezzare quel senso di comunità che si ritrova solo tra giovani di nazioni differenti. Seguendo le loro orme, il motore di ricerca voli Skyscanner.it, specializzato in offerte di voli low cost, ha tracciato una mappa delle top 5 città europee più vivaci e interessanti per gli universitari in cerca di esperienza, che sono anche validissime mete per short break tra cultura e divertimento.

Dublino

La capitale irlandese è sempre gradita a molti studenti italiani, pronti ad imparare o a migliorare l'inglese. Tra le università, una delle più importanti, è la University College Dublin (UCD), moderna e con un ambiente stimolante, favorisce lo sviluppo intellettuale e dispone di eccellenti strutture e servizi. Tra i suoi allievi più illustri, il famoso James Joyce, autore di "Ulisse", un capolavoro della letteratura diventato la vera guida per visitare la città. E' una città aperta e cosmopolita, con una vivace atmosfera studentesca. Cuore della capitale è il Dublin Castle, residenza del primo signore d'Irlanda, re Giovanni d'Inghilterra, meglio conosciuto come Giovanni Senzaterra. Un altro punto di interesse è il Trinity College dell'Università di Dublino, che inizialmente aveva un accesso esclusivo per i cattolici. Emblematica è la Cattedrale di San Patrizio, patrono d'Irlanda, festa conosciuta in tutto il mondo, soprattutto dagli appassionati della birra. Non può mancare quindi una visita alla vecchia fabbrica della Guinness, che dispone di una torre con vista su tutta la città. La zona più frequentata per le uscite notturne è la mitica Temple Bar, motivo in più per prenotarsi dei voli per Dublino, in un certo senso patria dei voli low cost.

Leeds

Anche se iniziò ad essere operativa nel 1904, l’origine dell’Università di Leeds risale al XIX secolo con la nascita della Scuola di Medicina di Leeds (1831) e dello Yorkshire College of Science (1874). Tra le priorità dell’istituto quella di integrare la ricerca, l’apprendimento e l’insegnamento sia a livello universitario che post-laurea, dalle materia più tradizionali a quelle più moderne. Insieme al mondo accademico, l'università vanta una comunità di studenti molto presente. Uno dei suoi punti di riferimento è lo ‘Student’s Union', uno dei più importanti del paese. Leed è la più grande città del Regno Unito dopo Londra ed è considerata un luogo ideale per lo shopping, con negozi come Harvey Nichols e molti altri stilisti. Se comunque pensate che questo sia chiedere troppo alle vostre tasche, fate un giro sotto gli eleganti portici in stile vittoriano ed edoardiano, dove troverete tutte le tipologie di negozietti, così come i più recenti centri commerciali.

Cracovia

Il suo nome ufficiale è Università Jagellonica, ed è considerata la migliore in Polonia, una delle maggiori in Europa. Attraverso le sue aule sono passati personaggi del calibro di Copernico e di Papa Giovanni Paolo II, ma a tutti piace fare riferimento al leggendario Doctor Faustus che ha vissuto qui alcune delle sue avventure. Fondata nel 1364 da Casimiro III il Grande, fa parte del patrimonio storico della città di Cracovia, che miracolosamente si salvò dalla distruzione durante la Seconda Guerra Mondiale ed ora è un patrimonio dell'umanità. Cracovia è un colosso di arte e architettura, ma anche una città moderna, la terza più grande in Polonia. La città è piena di ricordi dei giorni in cui venivano incoronati i re polacchi, sepolti nella cattedrale di Wawel, costruita nel XI secolo. Una favolosa collezione di arazzi, dipinti e altri oggetti preziosi attendono i visitatori. Nella vicina Rynek Glowny, la piazza centrale, ad ogni ora uno squillo di tromba dalla chiesa di Santa Maria ricorda un rito medievale che annunciava il pericolo, suono che oggi passa in radio a mezzogiorno in tutto il paese.

Parigi

Anche se il suo nome ufficiale è Paris IV, tutti la conoscono come la Sorbona, nota per la facoltà di Teologia. Con la riorganizzazione delle università, tre di esse hanno continuato ad usare questo nome. L'Università di Parigi-Sorbona è un riconosciuto centro studi delle Scienze Umane ed ha mantenuto gli edifici più significativi. Per facilitare l'integrazione degli studenti nel mondo del lavoro promuove programmi di interscambio ed offre corsi di formazione ed orientamento. La capitale della Francia è una delle più visitate al mondo, attraversata dal fiume Senna, è piena di ampi viali, giardini ed edifici storici come la Basilica Sacré Coeur, Notre Dame, l'Opera Garnier e Place della Bastiglia. Mentre il museo Louvre - uno tra i tanti a Parigi – è assolutamente da non perdere, forse il più importante al mondo ed ospita molte reliquie di ogni epoca. Arte egizia, orientale ed islamica... Qualunque tipo di oggetto antico ha il suo spazio, in un museo dove è necessario trascorrere molte ore per poterlo contemplare interamente. Le opere più visitate sono la Monna Lisa di Leonardo da Vinci, la Venere di Milo e la Vittoria Alata.

Madrid

Dopo Londra e Berlino, Madrid è la città più popolosa d’Europa e in quanto ad università, la Comunità autonoma di Madrid ne ospita ben sei. Quattro di esse hanno facoltà dislocate nell'area metropolitana ovvero l’Università Complutense di Madrid, presso la Città universitaria, l’Università Autonoma di Madrid, il cui campus è a Cantoblanco, l’Universidad Politécnica de Madrid e l’Universidad Rey Juan Carlos. Come è possibile immaginare, la quantità di giovani studenti è senza dubbio imponente. La capitale spagnola conserva nel tempo alcune meraviglie come ad esempio il Museo del Prado, il Thyssen-Bornemisza, il Centro di arte della regina Sofía ed il Palacio Real. Da sempre un punto strategico della città è la Puerta del Sol, da qui gli spagnoli misuravano la distanza dalla madre patria e proprio in questo punto, ogni fine anno, in migliaia aspettano i rintocchi della campana, armati di chicchi d’uva. A Plaza Mayor, per chi dovesse avere nostalgia dell’Italia c’è una chiesetta dedicata a San Nicola di Bari. Riguardo alla movida, universitari e non, se la spassano dalle parti di Puerta del Sol e Calle del Arenal, zone che pullulano di discoteche e locali, primo fra tutti il celebre ‘Kapital’, vicino alla stazione di Atocha. La città ospita inoltre un importante scalo internazionale e i voli per Madrid non mancano mai.

www.skyscanner.it

Commenta il post