Nordik Express: navigando le acque del San Lorenzo

Pubblicato il da Emmegì

Nordik Express: navigando le acque del San Lorenzo

Un susseguirsi di foreste a perdita d’occhio e di coste segnate da possenti fiumi caratterizzano la regione di Duplessis, che si sviluppa nel Québec meridionale tra il Labrador e il golfo del San Lorenzo. Le sue spiagge sono tra le più incantevoli del Canada orientale. Al largo della litoranea Route des Baleines (la Strada delle balene), le balenottere e gli altri grandi cetacei giocano a pelo d’acqua. La strada si ferma di fronte alla punta orientale dell’isola di Anticosti e di lì si prosegue per mare, sulla nave che rifornisce la lunga sfilza di paesini della Basse-Côte-Nord: è il Nordik Express, che da aprile a gennaio solca le placide acque del San Lorenzo per trasportare merci e persone tra un porto e l’altro della Moyenne e Basse-Côte-Nord, 12 stazioni d’imbarco per lasciarsi dolcemente trasportare lungo coste segnate da fiumi maestosi e punteggiate da minuscoli villaggi. Un paesaggio d’incanto e fuori dai circuiti turistici, imperdibile per gli amanti del mare e della natura allo stato puro

Il Nordik esplora territori affascinanti, - popolati da tempo immemorabile dai nativi Montagnais - che attirano gli appassionati della pesca, della caccia, della motoslitta e dell’avventura in senso lato. Imbarcatevi a Rimouski, a Sept-Îles, Havre-St-Pierre, Natashquan, Port-Menier, Kegaska, La Romaine, Harrington Harbour, Tête-à-la-Baleine, La Tabatière, Saint-Augustin, Blanc-Sablon per un’escursione oppure una piccola crociera: il Nordik Express salpa dove l’asfalto lascia il posto all’acqua e l’unico mezzo per raggiungere le popolazioni dei villaggi è la navigazione.

Oltre Natashquan e fino a Blanc-Sablon il mercantile costiero consente di partire alla scoperta di una quindicina di villaggi e di località (tra le quali Harrington Harbour è forse la più nota) che punteggiano il litorale fino al confine con Terranova. A nord di Port-Cartier, nel profondo entroterra, si visitano Fermont e la sua miniera di ferro a cielo aperto, tra le più grandi dell’America del Nord nel suo genere. Sept-Îles, accogliente capoluogo regionale, incarna alla perfezione il dinamismo e la spiccata personalità di questo angolo di territorio votato tanto al mare quanto alle ricchezze naturali dell’entroterra.

E perché non spingersi fino all’isola di Anticosti, grande quasi quanto la Corsica, il regno del cervo della Virginia? Non sono poche le navi che, nel corso del tempo, si sono incagliate sulle scogliere di quest’isola ribelle, che vanta tra l’altro un notevole parco nazionale istituito a protezione di numerosi siti naturali (falesie, canyon, grotte, cascate e fiumi) spettacolari e ingiustamente poco conosciuti. Tra l’isola e la costa, intorno all’Archipel-de-Mingan (arcipelago oggi dichiarato riserva naturale nazionale) il mare e il vento hanno scolpito giganteschi monoliti dalle forme più imprevedibili, su cui intrecciano i loro voli i pulcinella di mare e altri uccelli marini. La Réserve faunique de Port-Cartier—Sept-Îles, riserva impreziosita da un centinaio di laghi e laghetti ― tra cui lo splendido lago Walker ― e da numerosi fiumi, accoglie gli appassionati della natura e i pescatori, attirati dall’abbondanza di salmerini di fontana e di salmoni.

Informazioni sulla flotta dei mercantili costieri di Relais Nordik (tra cui il Nordik Express) si trovano all’indirizzo groupedesgagnes.com. Invece, per una bella proposta di viaggio nella Basse-Côte-Nord, Minganie e Anticosti ci si rivolge a CoSte – Coopérative de solidarité en tourisme equitable (voyagescoste.ca): la cooperativa di turismo sostenibile propone pacchetti di varia durata e inclusivi di differenti servizi che passano dalle crociere a numero contenuto di passeggeri (come Nordik Express) a navigazioni tra i villaggi su piccole imbarcazioni private, con pernottamenti nelle abitazioni degli sporadici abitanti di queste zone e ritorno al punto di partenza a bordo di un idrovolante.

Commenta il post