Per Sentieri e Remiganti, torna a Torino il Festival dei Viaggiatori Extra-ordinari

Pubblicato il da Emmegì

La mostra di Francesco Zizola "Born Somewhere" inaugura il 1 maggio 2013 la VII edizione di Per Sentieri e Remiganti, il Festival dei Viaggiatori extra-ordinari: il tema di quest’anno è la naturale conseguenza delle due edizioni precedenti, spese a interrogarsi prima sull’importanza di un pensiero ecologico e poi sulla gentilezza. Il 2013 sarà pertanto nel segno della Forza.

Ad affrontare questa ricerca il Gruppo del Cerchio ha invitato numerosi ospiti che, da vari campi del sapere e dell’arte, rifletteranno e mostreranno la propria forza. Il Festival si apre con la mostra di Zizola "Born Somewhere" - la forza del reportage, 50 scatti in bianco e nero, tratti dal volume Born Somewhere (pubblicato in Francia dal prestigioso editore Delpire e in Italia da Fusi Orari) e stampati in grande dimensione presso il Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino.

Zizola straordinario fotoreporter, conosciuto e apprezzato in Italia e all’estero, ha vinto il World Press Photo of the year nel 1996 ritraendo la tragedia delle mine antiuomo in Angola e altri 9 premi tra le categorie del World Press Photo e 3 Picture of the Year Award.La passione per la fotografia e una laurea in antropologia fanno di questo reporter un animo sensibile all’uomo e alle sue domande, in ogni parte del mondo.

Il Festival continua poi fino al 9 giugno con tanti ospiti e incontri sul tema della Forza come spinta ad approcciarsi alla vita, alle sue avversità, alle nostre difficoltà. Uno tra i Festival più “forti e gentili” degli ultimi anni, il Festival dei viaggiatori extra-ordinari, personaggi che appartengono a tutti gli ambiti del sapere, dall’arte alla scienza, dallo spettacolo allo sport ha dunque deciso di planare su Torino per un periodo più lungo. Come certi uccelli sfidano la gravità e si elevano grazie alle penne remiganti, così i protagonisti del festival inseguono le mete del proprio spirito, tracciando percorsi fuori dall’ordinario. Così il Festival sfida la paura, la violenza e la durezza di questi ultimi tempi con l’arma più efficace, seppur faticosa, che c’è, l’autocoscienza, l’equilibrio e la disciplina, in una sola parola “la forza”, e invita il pubblico a diventare, a sua volta, protagonista e viaggiatore extra-ordinario, più libero e consapevole.

www.persentierieremiganti.it