travel

Mercatini di Natale a Praga

Christmas market

La solenne accensione dell’Albero di Natale del Castello segna l’inizio dei Mercatini di Natale a Praga e delle celebrazioni dell’Avvento, mentre bancarelle cariche di addobbi variopinti invadono le piazze e in chiese e teatri risuonano le note del XII Festival di Musiche d’Avvento e Natalizie.

I mercatini di Praga sono considerati i più ricchi e affascinanti della Repubblica Ceca, anche se il più famoso è quello della Piazza della Città Vecchia, che fino al 1° gennaio offre ogni genere di mercanzie, che sono perfette idee regalo per sorprendere amici e parenti: addobbi natalizi, statuine per il presepe, artigianato in legno, ceramica, stoffa e cuoio, manufatti in lana, bigiotteria, le tipiche marionette e dolciumi.

Non sono da meno i mercatini di piazza Venceslao e delle piazze namesti Miru e namesti Republiky. Anche qui in vendita giocattoli in legno, cristalli di Boemia, figurine in foglie di granturco, manufatti in paglia, addobbi natalizi e prodotti tipici.

E tanto per entrare nel clima e apprezzare al meglio l’unicità della merce esposta, nei mercatini dell’Avvento vanno in scena dimostrazioni da parte degli artigiani e rievocazioni di antichi mestieri.

Dai movimenti esperti di abili mani vedrete nascere come per incanto statuine intagliate nel legno, mestoli per la cucina, addobbi natalizi intrecciati nella paglia o soffiati nel vetro, stoviglie e soprammobili di ceramica, candele artistiche, gioielli originali e i tipici campanelli di Gesù Bambino forgiati nel ferro…

Mentre l’occhio si lascia sedurre, le orecchie si abbandonano alle melodie delle feste e l’aria profuma degli aromi dolci e salati. Ad ogni angolo una nuova tentazione: da provare i trdelnik, una sorta di cannoli arrotolati su speciali bastoni di legno, cotti sulla brace ardente e poi cosparsi di cannella e zucchero, ma anche würstel e salsicce alla piastra, pannocchie lessate, opulenti prosciutti che si affumicano sul fuoco, caldarroste e mandorle abbrustolite, biscotti delle feste e pane dolce, vin brulè (svarene vino), il tipico grog a base di rum e acqua e la medovina, un liquore al miele servito caldo.

Lontano dalla folla, tra le mura domestiche, i praghesi celebrano il loro Natale privato, con tradizioni e rituali che si tramandano da secoli. Come per esempio l’usanza di osservare il digiuno il giorno della Vigilia, fino al cenone. Altro che non vederci più dalla fame: in Cechia secondo tradizione l’astinenza dal cibo porterebbe a vedere addirittura un porcellino d’oro, beneaugurante.

La sera infine, attorno alla tavola – che deve essere apparecchiata quando in cielo si scorge la prima stella – per l’occasione si raduna tutta la famiglia. Ma attenzione: non bisogna scordare di preparare un coperto in più, nell’eventualità di un ospite inaspettato, perché a Natale nessuno dovrebbe restare solo.

A celebrare la festa, un menu particolare: zuppa di pesce, insalata di patate, e carpa impanata fritta. Sotto il piatto di ognuno, qualche squama di carpa che l’antica credenza vuole sia foriera di prosperità per tutto l’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!