Kenya, safari per tutti i gusti

Pubblicato il da Emmegì

Kenya, safari per tutti i gusti

Se siete in partenza per il Kenya avrete sicuramente in programma un safari nei parchi, allora può esservi utile sapere che oltre ai tradizionali safari in jeep ci sono anche quelli in mongolfiera, a piedi e addirittura a dorso di cammello, che rendono l’esperienza dell'incontro ravvicinato con gli animali della savana, se possibile, ancora più emozionante.

Safari in Mongolfiera

La mongolfiera è il veicolo perfetto in grado di scivolare silenzioso lungo le pianure senza recare disturbo alle mandrie che vi pascolano tranquille e che permette di risalire rapidi nel cielo per sorvolare le vaste e sconfinate distese erbose e la vita animale che le anima.

Per chi desidera approfittare di una prospettiva realmente unica su questa spettacolare natura selvaggia, una soluzione affascinante è il safari in mongolfiera all’alba, che parte giornalmente da diversi lodge e che può essere prenotato attraverso la maggior parte delle compagnie di safari.

Safari in mongolfiera sul Maasai Mara

Il Maasai Mara è uno dei paesaggi più incredibili del Kenya, con le sue pianure sconfinate e gli animali selvaggi. Per chi visita il Kenya e il Mara per la prima volta, il miglior modo di apprezzarlo è dall’alto, su un safari in mongolfiera, all’alba. Un volo in mongolfiera all’alba significa senza dubbio una levataccia mattutina, ma ne vale davvero la pena: si viene infatti ricompensati dai magici colori del sole che sorge che si riflettono sulle pianure roride di rugiada.

Safari in mongolfiera sulla Great Rift Valley

La Great Rift Valley è uno dei siti più maestosi di tutta la terra, ma il modo migliore di vederla è senza dubbio proprio dall’alto e un safari in mongolfiera regalerà, letteralmente, una visione a volo d’uccello della vallata nel momento in cui ci si unirà a stormi di fenicotteri che si levano in volo sui laghi, sui vulcani e sulla foresta. La Rift valley è una delle meraviglie della natura, facilmente riconoscibile persino dallo spazio. La valle si snoda per 6000 km dalla Giordania al Mozambico, con un’ampiezza che varia da 30 a 100 km. Ma la parte più spettacolare si trova in Kenya, con la sua superficie punteggiata di vulcani inattivi e laghi dalle acque naturalmente frizzanti, questa valle attrae un ampio spettro di animali ed è dimora di molti, diversi ecosistemi. I safari sulla Great Rift Valley partono da diversi lodge e hotel nella regione di Naivasha e Nakuru.

Safari a piedi

Un safari a piedi, privato e accompagnati da guide d’eccezione, è il modo migliore di vivere un’esperienza davvero unica nel cuore della natura del Kenya.

Una scorta esperta insegnerà quali segnali cercare, le impronte e le piste da tenere in considerazione e mostrerà come usare il vento per camuffare il proprio odore, oltre a come muoversi silenziosamente attraverso la folta vegetazione e avvicinarsi il più possibile agli animali. Ci sono davvero poche esperienze così emozionanti come quella di un incontro ravvicinato con un elefante, un leone o un bufalo.

Safari a dorso di cammello

Il cammello viene usato frequentemente soprattutto nel nord del Kenya. Solitamente vengono usati come animali da soma, piuttosto che come mezzi di trasporto, ma sono l’ideale per sostegno per le camminate nel bush. I cammelli sellati sono solitamente impiegati che i turisti che desiderano fare una passeggiata a dorso.

Molti safari usano i cammelli sia per il trasporto degli equipaggiamenti e delle provviste, sia come veicoli per il trasporto delle attrezzature da campo, che verranno montate prima dell’arrivo dei turisti nei pressi di aree predisposte. Le preparate guide locali, per le quali una carovana di cammelli nella natura selvaggia è uno stile di vita, accompagneranno i visitatori e li istruiranno sul bush e sulla fauna selvatica locale. Questa è un’esperienza di viaggio da fare, almeno una volta nella vita, passeggiando attraverso il bush, con la sola compagnia dei suoni della natura selvaggia e il lieve tintinnio delle campanelle dei cammelli, seguendo i ritmi della natura.

Commenta il post