Stati Uniti, sulle strade del West

Pubblicato il da Emmegì

Non puoi dire di conoscere davvero gli Stati Uniti se non ti sei avventurato almeno una volta lungo le strade del sud-ovest americano, il leggendario West. Un tempo terra di indiani e cowboys e oggi ultima frontiera del viaggio on the road, tra panorami sconfinati, grandiosi parchi nazionali e città avveniristiche. Come Las Vegas, la strabiliante città luna-park che non dorme mai, che vi consiglio di considerare come base di partenza se volete andare alla scoperta dei parchi nazionali di Utah e Arizona, che insieme vantano la più alta concentrazione di aree di wilderness degli States.
A partire dal celeberrimo Grand Canyon, un vero capolavoro della natura che si estende per oltre 400 chilometri, scavato dal corso del fiume Colorado e scolpito dall'azione millenaria di piogge e venti. Sono innumerevoli gli itinerari di trekking che si snodano all'interno dell'area protetta, di durata e difficoltà variabili da poche ore a diversi giorni. Presso il visitor center trovate tutte le informazioni e le cartine, utili per non perdervi. Anche se l'escursione di gran lunga più suggestiva è la discesa al fondo del canyon, da affrontare però solo se si è adeguatamente allenati. E' infatti piuttosto impegnativa da un punto di vista fisico e necessita di almeno un paio di giorni, ma ne vale sicuramente la pena.
A breve distanza dal Grand Canyon potete facilmente raggiungere la Navajo Indian Reservation, la più grande riserva indiana di tutti gli States. Un territorio tanto esteso da racchiudere il Canyon de Chelly, la Foresta Pietrificata, il Deserto Dipinto e gran parte della Monument Valley, scenario di molti film western con i suoi inconfondibili monoliti di arenaria rosa, che come immobili sentinelle danno il benvenuto ai visitatori.
Usciti dalla riserva, puntate verso nord, direzione Moab, principale porta d'accesso dell’Arches National Park che vanta la più alta concentrazione al mondo di archi di pietra, e al Canyonlands National Park, che come si intuisce dal nome racchiude una sequenza quasi infinita di canyon. Se siete appassionati di whitewater rafting, questo è il posto che fa per voi. Non perdetevi la discesa in gommone lungo le rapide del Cataract Canyon, che si estende per ben 22 chilometri tra pareti rocciose a picco in un ambiente selvaggio dove potete anche fare hiking o dedicarvi all'avvistamento della fauna selvatica.
La tappa successiva è al Bryce Canyon National Park, un inestricabile labirinto di guglie di pietra forgiate da pioggia e vento nell’arco di milioni di anni. Uno spettacolo della natura che vi lascerà senza parole, soprattutto se avrete l'opportunità di ammirarlo nelle notti di luna piena, quando le ombre delle rocce rosse vengono esaltate dalla luce lunare. In occasione del plenilunio, si può anche partecipare a suggestive escursioni notturne in piccoli gruppi, ma senza torce né macchine fotografiche con flash, per una full-immersion totale nella magia della notte.
On the road again, raggiungete lo Zion National Park, dove potete sistemarvi al South Campground per qualche giorno, quanto basta per esplorare le varie zone del parco. Anche a cavallo, se preferite. Un classico sono i Canyon Trail Rides, ciò le passeggiate di un paio d'ore o poco più lungo il Sand Bench Trail, totalmente immersi nella natura. E poi non perdetevi una visita del Zion Human History Museum, che racconta l'avventurosa storia dei primi insediamenti dei pionieri in questa zona.
Un viaggio nel West americano può essere facilmente percorso in autonomia, noleggiando un'auto e pernottando in hotel e lodge nei parchi nazionali. Se invece preferite viaggiare in gruppo, soluzione che è anche più divertente, oltre che economica, non mancano certo i tour organizzati, proposti dagli operatori specializzati. Tra questi, Viaggi Giovani propone itinerari in piccoli gruppi di max 12 persone con diverse partenze tra luglio e agosto, ideali se partite da soli, ma anche se siete in coppia o con un gruppetto di amici e volete condividere la vostra avventura con altri viaggiatori dallo spirito giovane e con tanta voglia di divertirsi.

nomadimoderni viaggigiovani

Commenta il post