Philadelphia in 36 ore

Pubblicato il da Emmegì

Stopover a Philadelphia e avete solo un paio di giorni per visitare la città culla dell’American Dream? Nessun problema, basta organizzarsi, seguire passo passo il nostro itinerario... e 36 ore saranno sufficienti per farvi conquistare dal fascino della città.

Venerdì | Pomeriggio

Prenotare I biglietti d’ingresso alla Barnes Foundation, nella nuova location. Il museo è famoso per le esibizioni di dipinti del periodo impressionista e moderno. A seguire, una cena nell’ottimo ristorante all’interno del museo, Garden Restaurant ,che serve la cena fino alle 20.30, con un gustoso menù martini.

La serata continua

Philadelphia si fregia di offrire la miglior vita notturna in USA, perciò consigliamo un bicchiere della staffa in uno dei locali intorno a Rittenhouse Square : Parc Restaurant oppure Parisian Bistrò . Si prosegue, poi, per un locale cubano,nella parte vecchia della città, Cuba Libre, dove si balla salsa e merengue fino a notte inoltrata.

Sabato / Mattina

Iniziare l’esplorazione del quartiere storico della città, presso l'Independence Visitor Center. Ritirare i biglietti per Independence Hall, dove i Padri Fondatori hanno dato inizio agli USA. In zona, è d’obbligo una visita a Liberty Bell oppure la President’s House , che commemora gli africani schiavi che vissero e lavorarono qui, quando Philadelphia era la capitale, sotto il presidente George Washington.

Visitare il National Constitution Center per conoscere come nacque l’America e la sua costituzione. Fino al 2 settembre è aperta la mostra interattiva 1968, che rievoca la storia di quegli anni e la sua musica .

Un fermata per il pranzo da City Tavern, una replica, sia nel menu che nelle uniformi del personale, dei tempi delle 13 colonie. A soli 10 minuti a piedi, si trova Chinatown e Reading Terminal Market, entrambe le location offrono una vasta selezione di cibi per tutti I palati e tutte le propensioni di spesa.

Nel pomeriggio
Una visita a Washington Square, uno dei cinque parchi pubblici, ideati e voluti da William Penn, fondatore di Philadelphia. .Proseguendo verso le strade Walnut e Chestnut si trovano molti negozi vintage e boutique esclusive e grandi magazzini, Ricordate che l’abbigliamento e le scarpe sono esenti da tasse a Philadelphia !


La serata continua

Un drink, davanti al camino, godendosi la vista della città al 19esimo piano di Hyatt at the Bellevue. Uno spuntino a tarda notte, nel bar del vicino Ritz-Carlton. Musica dal vivo e karaoke da Japaas Karaoke Lounge yakitoriboy.com

Domenica / Mattina

Visita al polo museale, sulla Benjamin Franklyn Parkway con il Museum of Modern Art, dove sono esposti stupendi capolavori artistici visitorservices@philamuseum.org nonché il Museo Rodin dove sono esposte, anche nel giardini, sculture del celebre artista francese come “The Thinker” (Il Pensatore).

Pomeriggio

Visita al penitenziario di stato , oggi in disuso ma ancora pieno di fascino, Eastern State Penitentiary. Nel penitenziario, dalla pianta a raggiera, furono incarcerati il gangster Al Capone, che godeva di tutti lussi dovuti al suo nome, ed anche il rapinatore di banche Willie Sutton, che invece fuggì dalla struttura nel 1945, scavando un tunnel sotterraneo .

Ulteriori info: http://www.discoverphl.com

Commenta il post