travel

Wyoming viaggio nel West on the road

Wyoming

Cosa vedere in Wyoming? Una guida completa ai luoghi da non perdere durante un viaggio on the road nel mitico West, cuore dell’America più autentica. I veri viaggiatori lo sanno bene: gli Stati Uniti vanno esplorati al volante di un’auto con la radio sintonizzata su una stazione di musica country, colonna sonora ideale per percorrere in libertà strade panoramiche che si inoltrano tra foreste, parchi nazionali e metropoli avveniristiche.

Wyoming itinerario nel West on the road

Denver, Colorato

Il viaggio non può che cominciare da Denver, in Colorado, anche perchè qui si trova il più vicino aeroporto internazionale. La Queen City of the Plains è una  città dinamica, vibrante, piena di energia e creatività, in grado di offrire anche cultura e circondata da una bellezza naturale incredibile.

E’ molto facile girare a Denver e gli abitanti della città vi faranno sentire come a casa. La gastronomia di Denver, la vita notturna, l’arte e la scena culturale sono a dir poco entusiasmanti. Scoprite Larimer Square, un’antica zona con edifici molto ben conservati, che oggi ospitano ristoranti, bar e negozi di artigianato.

Passeggiate fino a Confluence Park, ammirate la stupenda vista delle montagne e guardate i ciclisti passare, oppure noleggiate voi stessi una bici e unitevi a loro! Oppure salite a bordo del 16th Street Bus, uno shuttle gratuito che vi porterà allo State Capital, al Denver Art Museum e al Colorado History Museum.

Fate una sosta allo storico Brown Palace per un tè, poi proseguite fino a Larimer Square per bere un cocktail ed ammirare il tramonto sulle montagne dalla terrazza panoramica del ristorante Tomayo’s. Potete poi proseguire la serata nel quartiere LoDo, molto alla moda, che pullula di locali, ristoranti e …pianoforti disseminati lungo la via, dove ognuno si può sedere a suonare qualcosa!

Cheyenne capitale del Wyoming

Prossima tappa Cheyenne capitale del Wyoming, che deve il suo nome ai Cheyenne, una delle tribù native più influenti della zona.

Spesso definita “La città magica delle pianure”, la sua fondazione risale al diciottesimo secolo, quando il generale Grenville M. Dodge e i suoi colleghi progettarono un avamposto noto come Cheyenne nel territorio del Dakota, nel punto in cui l’incrocio della Union Pacific Railroad incontrava il Crow Creek, inizialmente chiamato “Crow Creek Crossing”.

D’obbligo una visita allo State Capitol Building e all’Historic Governors’ Mansion, prima di imboccare la Happy Jack Road in direzione ovest verso il Curt Gowdy State Park, considerato il regno della mountain biking. Infiniti km di trails attraversano il parco e consentono di fare hiking e passeggiate anche a livello più amatoriale.

Laramie

Al tramonto puntate verso ovest sulla I-80 per Laramie, per gustare una cena in puro stile western e per un pernottamento in un tipico albergo della zona.

Il giorno successivo, a seconda delle vostre preferenze, potrete andare a visitare un museo; in questa città sede di college, c’è solo l’imbarazzo della scelta tra il Tate Geological Museum, l’American Heritage Center, il Wyoming Territorial Park, il Laramie Plains Museum e lo University of Wyoming Art Museum.

Se vi trovate nella zona agli inizi di Settembre, fate spazio nel vostro itinerario per assistere allo Snowy Range Music Festival. Farete il pieno di energia con la musica blues dei migliori interpreti americani, prima di continuare il viaggio verso la tappa successiva.

Da Laramie, percorrete la Snowy Range Scenic Byway, una delle più spettacolari strade del West. Per descrivere le vedute dall’alto del passo è sufficiente una parola: mozzafiato. La strada panoramica attraversa la Medicine Bow Mountain Range e comprende gli oltre 45 km della porzione della Medicine Bow-Routt National Forest sulla Highway 130 in Wyoming, dove potrete ammirare fauna locale, cime innevate (anche a luglio e agosto) e un paesaggio intatto.

Senza fare soste il viaggio dura circa un’ora, ma prendetevi del tempo per godervi lo splendido panorama.

Saratoga città termale

La strada vi condurrà direttamente a Saratoga, dove percorsi per hiking e biking abbondano, dandovi la possibilità di sgranchirvi le gambe dopo il viaggio in auto.

Mirror Lake è un luogo appartato per fare un picnic immersi nella natura. Questa terra ha una lunga storia, che risale a circa 8.000 anni fa quando gli antenati degli Indiani delle prateria vivevano qui. I Northern Arapaho, gli Oglala Sioux, i Northern Cheyenne, gli Eastern Shoshone e i White River Utes frequentavano tutti questa regione.

Qui dalla foresta reperivano il legno utilizzato per fabbricare i loro archi. Le fonti termali di acqua calda lungo le rive del North Platte River fornivano un luogo per “praticare la medicina”, per curare malattie e per tenere i loro raduni sacri – i powwow.

L’area attorno a Saratoga è infatti rinomata per le fonti naturali di acqua calda. Immergetevi nelle acque minerali curative alla Hobo Hot Pool nei pressi del centro cittadino, oppure soggiornate al lussuoso Saratoga Resort and Spa. L’ingresso al pubblico alle fonti termali è gratuito e la cittadina dista solo un breve tragitto in auto dalla Byway.

Seminole State Park

Dirigetevi poi a nord al Seminole State Park per una giornata in una delle più grandi e famose riserve dello stato, ideale per praticare attività acquatiche.

Il mattino è il momento ideale per pescare nel North Platte River, una porzione del fiume così famosa per l’abbondante pesca delle blue-ribbon trout da essere stata soprannominata “Miracle Mile” Numerosi outfitters locali possono fornirvi tutto l’equipaggiamento e tutte le informazioni per i luoghi migliori dove pescare.

Tre imbarcazioni forniscono facile accesso all’acqua, consentendo di trascorrere un piacevole pomeriggio di navigazione sulle acque cristalline del lago. Altre attività possibili nel parco comprendono: hiking, biking, campeggio e possibilità di fare picnic.

Wind River Reserve

La riserva Wind River è l’unica in Wyoming che ospita nativi americani delle tribù Northern Arapaho e Eastern Shoshone. Il territorio della riserva si estende per oltre oltre 88.000 ettari tra lo scenografico Wind River Range e le Owl Creek Mountains, e comprende le cittadine di Riverton, che dispone di aeroporto, Lander a sud e Thermopolis a nord-est.

Il Wind River scorre attraverso un paesaggio tra i più suggestivi dello Stato del Wyoming, offrendo acqua per l’irrigazione, così come per le attività ricreazionali.

La sede della riserva si trova a Fort Washakie, un tempo base militare degli Stati Uniti, spesso visitata dai nativi Shoshone. L’unico forte americano che prende il nome da un capo indiano, ospita anche l’interessante Shoshone Tribal Cultural Center che offre un approccio approfondito alla cultura della tribù, con esposizioni di manufatti tribali, arti e mestieri, oltre a una raccolta di fotografie e informazioni su Cape Washakie e Sacajawea.

Pochi sanno che la nativa Lehmi-Shoshone Sacajawea, che ha accompagnato gli esploratori Lewis e Clark alla ricerca del passaggio a nord-ovest, è sepolta nella riserva del Wind River, proprio vicino a Fort Washakie. La sua tomba si trova ai piedi delle dolci colline del Wind River e dell’imponente monte Sacajawea, alto ben 4000 metri.

Grand Teton National Park

Gli oltre 125.000 ettari del Grand Teton National Park comprendono lussureggianti vallate, prati di montagna, laghi alpini e le svettanti cime del Teton Range.

Se paesaggi iconici come il Mormon Row e Moulton Barns sono tra le location più fotografate nel parco, le cime maestose del Parco Nazionale Grand Teton sono lo scenario perfetto per gli amanti della natura, gli appassionati di outdoor e per tutti i viaggiatori che vogliono esplorare gli incredibili paesaggi del parco.

Bisonti, cervi, alci, orsi e pecore bighorn e altri animali selvatici si possono facilmente avvistare durante le escursioni tra boschi e praterie oppure percorrendo la panoramica US Highway 89 comodamente in auto.

Jackson Hole

Situata a sud-est del Grand Teton, o “The Grand” come lo chiamano i locali, Jackson Hole è una tipica cittadina in cui si respira l’autentica atmosfera western, principale porta di accesso ai parchi nazionali Grand Teton e Yellowstone.

Diventata negli ultimi decenni una località turistica molto frequentata, conserva numerosi edifici e attrazioni del passato, come il popolare Million Dollar Cowboy Bar o l’arco di corna di alce che decora la piazza principale.

Anche il vecchio Wort Hotel è riuscito a mantenere un po’ del sapore western originale con un’esposizione di immagini in bianco e nero di famosi attori e attrici di film di cowboy degli anni ’20, ’30 e ’40 che frequentavano la zona.

Da non confondere con i cowboy – questi sì autentici e in carne ed ossa – che tuttora girano per la città più western del Wyoming.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.