taste

Mauritius rum e Rhumerie

Mauritius rum

Mauritius rum è il più tipico prodotto alcolico della meravigliosa isola dell’Oceano Indiano: ecco tutto quello che dovete sapere sul rum e le migliori rhumerie mauriziane. Se siete astemi, la vostra vacanza a Mauritius sarà comunque, sicuramente meravigliosa. Ma se non lo siete, e magari coltivate anche una passioncella nemmeno troppo segreta per gli alcolici ad alta gradazione, allora ci sono buone probabilità che il vostro viaggio nell’isola si trasformi in un’esperienza sensoriale davvero indimenticabile. Senza bisogno di esagerare, beninteso.

Mauritius rum e Rhumerie

Già, perché Mauritius è un vero paradiso per gli estimatori del rum, il più tipico prodotto locale in vendita praticamente ovunque, e la visita a una delle sei rhumerie presenti è un must irrinunciabile di un soggiorno sull’isola.

Mauritius rum agricole

Se però volete scoprire il vero, autentico rum agricole, evitate le distillerie industriali e puntate a una delle tre produzioni artigianali. La differenza non è di poco conto: le prime infatti producono rhum tradizionale a partire dalla melassa, mentre le seconde ottengono il prodotto finale tramite fermentazione e distillazione del succo di canna da zucchero.

Rhumerie de Chamarel

Durante il mio viaggio a Mauritius ho visitato la Rhumerie de Chamarel, incastonata in una valle verdissima nel sud dell’isola. Immersa in una vasta piantagione, la Rhumerie de Chamarel è una delle poche ancora in attività a coltivare la propria canna da zucchero. La raccolta viene effettuata a mano tra luglio e dicembre e il trasporto in distilleria avviene entro 4 ore.

La visita ha un suo fascino anche dal punto di vista panoramico: l’architetto mauriziano Maurice Giraud ha creato un edificio che si fonde armoniosamente con lo spettacolare ambiente circostante. Infine, un delizioso ristorante permette di gustare con più calma i sapori mauriziani.

All’arrivo, invece del classico aperitivo (era circa l’ora di pranzo) ci è stato servito il vassoietto che vedete qui sopra, con tutto l’occorrente per il Ti’Punch: lime, zucchero di canna, ghiaccio e ovviamente rhum agricole, la specialità della casa. Così si usa a Mauritius: ognuno dosa gli ingredienti del proprio drink secondo il gusto e l’ispirazione del momento.

Durante la visita, che si snoda tra alambicchi in rame e distillatori, vengono illustrate le varie fasi del ciclo di produzione, con gran finale di degustazione dei premiati rum della casa.

La famosa distilleria è solo una delle numerose attrazioni della cittadina di Chamarel, che sorge su un altopiano in un’area di grande fascino paesaggistico e culturale. Da non perdere, in zona, una sosta alle terre dei Sette Colori di Chamarel, curiosa traccia dell’origine
vulcanica e della storia geologica dell’isola, e alle spettacolari cascate che si tuffano da 83 metri di altezza.

Aventure du Sucre

Questo interessante museo interattivo è stato ricavato dalla riconversione di un’antica fabbrica di zucchero. Si trova all’interno della tenuta di Beau Plan, vicino al Giardino Botanico di Pamplemousses.

La visita si delinea come un’affascinante percorso tematico che racconta la storia della canna da zucchero e dei suoi derivati, che oltre allo zucchero, include anche il rum.

Lo shop del museo propone degustazioni e dispone di una sezione dedicata alla gamma House of New Grove, che propone rum ambrati, liquori esotici aromatizzati al caffè, vaniglia e miele e rum con zuccheri speciali (melassa, demerara e golden bakery).

Anche qui, non manca la possibilità di una piacevole pausa pranzo a base di specialità mauriziane presso il ristorante del museo.

Domaine de Labourdonnais

Tappa di grande interesse per gli amanti di storia, cultura e gastronomia, questo sito conserva un vero gioiello del patrimonio mauriziano: il castello di Labourdonnais.

L’edificio è stato costruito nel 1856 ed è circondato da un ampio giardino lussureggiante, dove è possibile avvistare tartarughe giganti, e frutteti, da cui vengono raccolte le materie prime per la produzione di prelibatezze al 100% mauriziane.

Oltre a marmellate, paste, e succhi di frutta, a Labourdonnais non può mancare il rum, realizzato in varietà bianca e ambrata dall’omonima distilleria. Tutti questi prodotti si possono degustare al termine della visita e acquistare nella boutique del castello, oppure assaggiare direttamente presso il ristorante La Table du Château.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.