travel

Grand Palace Bangkok

Grand Palace Bangkok

Grand Palace Bangkok, guida completa alla visita del Palazzo Reale, principale attrazione della capitale thailandese.

Grand Palace Bangkok

Il Grand Palace è l’attrazione più visitata di Bangkok e se hai in programma di visitare la capitale thailandese, non può che essere la prima tappa del tuo itinerario. Personalmente l’ho visitato almeno quattro volte e ogni volta che sono di passaggio a Bangkok ci torno con piacere, lasciandomi incantare dalla magnificenza dei suoi sfarzosi edifici. Basandomi sulla mia esperienza, in questa guida completa ho riassunto tutto quello che devi sapere sul Grand Palace Bangkok, comprese alcune dritte utili per pianificare al meglio la tua visita.

Storia del Grand Palace

La storia del Grand Palace va di pari passo con quella del regno di Thailandia. Un tempo residenza ufficiale dei Re di Thailandia, ancora oggi il Grand Palace Bangkok è utilizzato dal Re in occasione di rituali, funerali, matrimoni e banchetti reali. Circondato da alte mura costruite nel 1783, oltre al Wat Phra Kaew Tempio del Buddha di Smeraldo, al suo interno si trovano uffici governativi, monumenti, residenze reali dai diversi stili architettonici, che riflettono i tempi in cui sono stati costruiti, disseminati tra giardini, prati e cortili su una superficie di 218.400 metri quadrati.

Quando Rama I assunse il controllo del paese dopo la caduta di Ayutthaya spostò il centro del governo verso l’isola di Rattanakosin su cui fu eretto il Grand Palace all’interno di una fortificazione.

Grand Palace Bangkok
Grand Palace Bangkok

All’inizio non era che una serie di semplici strutture in legno, in seguito gradualmente sostituite da edifici in mattoni provenienti dal palazzo reale di Ayutthaya distrutto durante la guerra con la Birmania a metà del XVIII secolo. Anche la struttura del Grand Palace Bangkok riprende quella del complesso del palazzo di Ayutthaya e comprende un cortile esterno dove si trovano l’ex governo e altri edifici pubblici, il Wat Phra Kaew Tempio del Buddha di Smeraldo, una corte centrale con la residenza del re, gli edifici usati per occasioni di stato e una corte interna che ospitava la regina, le consorti e le figlie del re.

Il complesso comprende alcuni degli edifici più sontuosi del paese, arricchiti da decorazioni in ceramica dipinte a mano, legni intagliati, piastrelle ornamentali e una gran profusione d’oro ovunque. Nel corso dei secoli i vari monarchi hanno aggiunto nuovi edifici che mostrano influenze cinesi ed europee, creando curiosi ibridi esotici. Ad esempio, la residenza reale e alcuni edifici amministrativi hanno uno stile neoclassico, decisamente europeo, ma con il tetto in stile thailandese.

La corte e gli uffici governativi ebbero sede nel complesso del Grand Palace Bangkok dal 1782 al 1925, quando la famiglia reale si trasferì a Palazzo Chitralada, nel distretto di Dusit.

Grand Palace Bangkok
Grand Palace Bangkok

Visita del Grand Palace Bangkok

Il percorso di visita parte dalla Corte Centrale, la più grande e più importante del Grand Palace Bangkok . Come suggerisce il nome, questa corte si trova nella parte centrale del palazzo e ospita molti importanti edifici residenziali e statali. La corte è divisa in tre gruppi, vale a dire il Phra Si Rattana Chedi, il Grand Palace Chakri Mahaprasad Hall dai variopinti tetti a pagoda e una gran quantità di statue colorate, e una parte chiamata il quartiere del giardino di Siwalai.

I due edifici più antichi sono il Dusit Maha Prasat Throne Hall e il Phra Maha Monthian. La funzione principale della sala del trono Dusit Maha Prasat, costruita dal re Rama I, è quella di ospitare la camera ardente di re, regine e membri della famiglia reale deceduti, in modo che il maggior numero di persone possa rendere omaggio al defunto.

Uno degli edifici più recenti è il Borom Phiman Mansion, costruito all’inizio del XX secolo dal re Rama V in stile occidentale come residenza per i futuri re.

La Sala del Trono

La cupola neoclassica della Sala del Trono sembra un’anomalia
nella Bangkok tropicale. Realizzato in abbagliante marmo di Carrara, l’edificio sarebbe sicuramente più adatto ad essere inserito nel contesto di Parigi o Pisa. Non lo immaginereste mai, ma la Sala del Trono Ananta Samakhom è frutto del genio italiano.

La sua costruzione fu voluta da Re Rama V che desiderava una sala dei ricevimenti per gli ospiti di corte e commissionò il lavoro agli architetti italiani Annibale Rigotti e Mario Tamagno (che ha anche progettato la stazione di Hua Lampong di Bangkok e l’Oriental Hotel).

L’edificio, che assomiglia a una meravigliosa torta di nozze, brilla sotto il sole luminoso asiatico, e da vicino si notano i suoi dettagli eleganti: volti e intagli tutti creati dallo scultore Vittorio Novi.

Grand Palace Bangkok
Grand Palace Bangkok

L’eleganza esterna continua all’interno. Dopo essere entrati da una scala, ci si trova in una piccola ma sontuosa sala ottagonale, dove i pannelli delle pareti sono decorati con un collage scintillante di ali di coleottero che deve aver preso agli artigiani centinaia di ore di lavoro.

Questa attenzione al dettaglio continua nella sala principale con tappeti, insegne reali e svettanti colonne corinzie che competono con la maestosità dei palazzi europei. Ma quando si alzano gli occhi verso il cielo, sono le decorazioni in stile thailandese a catturare l’attenzione; dipinti che raccontano la storia della dinastia Chakri dal regno di Rama I a Rama VI.

Come in ogni scrigno del tesoro che si rispetti, la bellezza esteriore della Sala del Trono è superata dagli oggetti esposti all’interno. Sua Maestà il Re Bhumibol Adulyadej ha a lungo sostenuto il talento creativo del popolo Thai e promosso il ricco patrimonio culturale del Regno. Ha istituito una Fondazione nel 1976 per preservare e sviluppare le arti e i mestieri tradizionali della Thailandia.

Il pezzo più affascinante custodito in questo spazio è lo schermo in teak intagliato creato in occasione delle celebrazioni per il 60° anniversario dell’ascesa al trono di Re. Questa opera d’arte mostra scene della leggenda di Sang Thong, che riguarda la storia di un eroe deforme e buono che vince il cuore di una eroina di alto lignaggio. Altre opere di grandi dimensioni sono gli incredibili arazzi decorati. Sembrano dipinti scintillanti, in realtà, da vicino, rivelano intricati dettagli di fili di seta.

Il giardino di Siwalai

Il Giardino Siwalai, chiamato anche “Giardino di Cristallo”, “Giardino Giusto” e “Giardino delle Tartarughe” nei tempi antichi, è situato sul lato orientale della corte di mezzo. Nel corso della sua esistenza il giardino fu modificato dai vari re e ha acquisito la sua forma attuale durante il periodo di re Rama V, contiene sia residenze reali che edifici religiosi.

Durante la visita potete osservare grandi monumenti interamente d’oro come il Phra Si Rattana Chedi, i variopinti tetti a pagoda del Grand Palace Chakri Mahaprasad Hall e una gran quantità di statue colorate.

Grand Palace Bangkok
Grand Palace Bangkok

La Corte Esterna è un’altra parte importante del Grand Palace Bangkok, si trova nella zona nord-ovest del sito. L’area del tribunale è composta da molti edifici, il più importante dei quali è il quartier generale e il centro informazioni del Gran Palace, l’ufficio della famiglia reale e l’ufficio del segretario principale di Sua Maestà. Altri edifici includono la Sala Sahathai Samakhom, utilizzata per importanti ricevimenti e incontri e la Sala Luk Khun Nai che ospita vari dipartimenti della Casa Reale, e il museo Pavilion of Regalia, Royal Decorations and Coins.

Wat Phra Kaew

L’edificio più significativo all’interno del complesso del Grand Palace è il Wat Phra Kaew, il Tempio del Buddha di Smeraldo, il luogo di culto più sacro della Thailandia. Qui si venera il Buddha di Smeraldo, una piccola statua del Buddha di giada verde alta circa 75 centimetri considerata un talismano per la Thailandia e il suo popolo.

Risalente alla fine del XVIII secolo, il tempio è un capolavoro dell’ architettura tailandese tradizionale.

Fu Re Rama I l’iniziatore della costruzione del tempio del Buddha di Smeraldo quando trasferì la capitale da Thonburi a Bangkok nel 1785. La storia racconta che la statua ha viaggiato dall’India alla Cambogia, al Laos per giungere infine in Thailandia. Due mitici giganti chiamati “yakshis” montano la guardia alla sala di ordinazione principale, o “ubosot”, che ospita il Buddha di Smeraldo, decorata con affreschi che raffigurano le storie che ritraggono le diverse vite precedenti del Buddha, la più interessante delle quali si affaccia sull’altare che raffigura la vittoria del Buddha sul “Mara”, il demone malvagio.

Wat Phra Kaew
Wat Phra Kaew

La statuetta, che riproduce il Buddha nella posa di meditazione nota come Virasana, è posta su un alto palco costituito da diverse piattaforme che impediscono ai visitatori di raggiungere la statuetta, ad eccezione del Re della Thailandia. Soltanto il Re è autorizzato a compiere il rito del cambio dei mantelli che ricoprono la statua, che avviene tre volte l’anno in corrispondenza delle tre stagioni: estate, inverno e stagione delle piogge. Si ritiene che questo rituale porti fortuna nel paese in queste date stagioni.

Molto affascinante è anche il colonnato aperto che circonda il tempio, decorato con affreschi raffiguranti il Ramakian, l’adattamento thailandese del Ramayana, l’epica famosa in India, Pakistan e Sri Lanka. Sono oltre 170 scene, dipinte durante il regno di Re Mongkut (1825 – 1859), ma più volte restaurate.

Altre attrazioni del complesso includono una varietà di affascinanti statue, pagode e strutture religiose: un modello di Angkor Wat della Cambogia costruito durante il tempo in cui il territorio thailandese comprendeva la Cambogia, il dorato Phra Si Rattana Chedi che ospita le ceneri del Buddha, due biblioteche che ospitano importanti documenti e letteratura buddista e il Pantheon con statue di dimensioni naturali dei primi sette re della Thailandia.

Grand Palace come arrivare

River taxi

Puoi facilmente arrivare al Grand Palace Bangkok con i taxi fluviali, una soluzione economica, che ti permette di evitare il traffico e goderti il paesaggio del Chao Phraya lungo il percorso.
Con lo Skytrain BTS, arriva alla stazione Saphan Taksin, quindi segui le indicazioni per il molo della barca. Prendi il river taxi per nove fermate fino al molo Tha Chang.
Se perdi il conto delle soste, non preoccuparti. Il Grand Palace Bangkok si estende tra il molo di Tha Thien e il molo di Tha Chang e sarà impossibile non vederlo dalla barca. Una volta sceso al molo di Tha Chang, percorri la breve distanza fino all’ingresso del palazzo.

A piedi

Dall’area di Khao San Road puoi arrivare a piedi in circa 20-25 minuti fino al Grand Palace, seguendo il bordo del campo reale o lungo la strada più vicina al fiume.

Grand Palace orari di apertura

Il Grand Palace è aperto sette giorni su sette dalle 8,30 alle 16,30, ma la biglietteria chiude alle 15,30! Quindi devi tassativamente arrivare prima.
Occasionalmente, il Grand Palace Bangkok chiude per visite ufficiali e funzioni statali, ma è un’eventualità piuttosto rara.

Grand Palace biglietti d’ingresso

Il biglietto d’ingresso al Grand Palace Bangkok è di 500 baht (circa 18 Euro), ma per i cittadini tailandesi è gratuito. Puoi noleggiare un’audioguida per ulteriori 200 baht. Ovviamente sono disponibili anche delle guide turistiche, ma dovrai negoziare la tariffa della visita con loro. A questo riguardo ti consiglio di scegliere una guida ufficiale all’interno del complesso, piuttosto che accettare l’offerta di una guida improvvisata all’esterno.

Grand Palace Dress Code

Per visitare il Grand Palace Bangkok devi attenerti a un preciso dress code. In segno di rispetto, non dovresti indossare pantaloncini o camicie senza maniche in qualsiasi tempio o edificio statale in Thailandia, in particolare al Grand Palace Bangkok , dove il codice di abbigliamento è rigorosamente applicato.

La regola base è che gli uomini devono indossare pantaloni lunghi e le donne devono coprire le gambe appena sopra il ginocchio.
– Evita quindi di indossare pantaloni stretch aderenti o indumenti trasparenti,
– Non indossare camicie senza maniche o che lascino le spalle scoperte,
– Non indossare t-shirt con temi religiosi o simboli di morte, tipo le magliette heavy metal.
– Anche i sandali infradito non sarebbero consentiti, ma questa regola è solitamente trascurata per i turisti. In ogni caso, le scarpe devono essere sempre tolte quando si entra in templi e luoghi sacri.

Se il tuo abbigliamento non è consono, ti verrà richiesto di coprirti con un pareo. Supponendo che lo stand sia aperto e abbiano ancora sarong a disposizione, puoi prenderne uno in prestito gratuitamente (con un deposito rimborsabile di 200 baht). In caso contrario, ti basterà attraversare la strada davanti all’ingresso per trovare una miriade di venditori di magliette, parei e pantaloni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.