travel

Gran Paradiso 5 escursioni facili nel parco nazionale più antico d’Italia

Gran Paradiso escursioni

Gran Paradiso 5 escursioni facili e adatte a tutti nel versante piemontese del più antico parco nazionale d’Italia che quest’anno compie 100 anni. Per celebrare il Centenario del Parco Nazionale Gran Paradiso, per tutta l’estate sono in programma eventi e manifestazioni incentrati, oltre che sulla conoscenza del ricco patrimonio naturalistico, sulla storia e la cultura delle comunità locali che popolano le cinque vallate del parco, di cui trovate qui il calendario completo.

Istituito nel 1922 per tutelare l’area di wilderness attorno alla vetta del Gran Paradiso, unica cima oltre i 4.000 metri interamente in territorio italiano, il Parco Nazionale Gran Paradiso è attraversato da una fitta rete di itinerari escursionistici costituita dalle antiche mulattiere reali, create nella seconda metà dell’800, quando quest’area era la riserva di caccia di casa Savoia.

Gran Paradiso escursioni2

All’epoca i sentieri venivano utilizzati per mettere in comunicazione fra loro le Case Reali di Caccia, costruite in quota e destinate a ospitare il Re Vittorio Emanuele II durante le sue lunghe battute di caccia estive, mentre oggi sono percorsi molto apprezzati dagli escursionisti e dagli amanti del trekking in montagna.

Se in inverno si riduce di molto la possibilità di percorrere e fare passeggiate su questi tracciati, durante la bella stagione il Parco Nazionale Gran Paradiso, con le sue montagne spettacolari, i laghi alpini, le praterie, gli alpeggi e i sentieri da percorrere a piedi, in bici o mountain-bike, sono l’ideale per praticare un po’ di sport, trovare refrigerio dall’afa della pianura e respirare a pieni polmoni aria pura.

Personalmente, amo in modo particolare la Valle Orco, nell’alto Canavese, dove da anni trascorro parte delle mie vacanze estive facendo escursioni tra boschi e vallate. Ecco i miei 5 itinerari preferiti, lungo strade e sentieri facilmente accessibili, ma che regalano panorami davvero spettacolari. Garantito!

Gran Paradiso 5 escursioni facili nel parco nazionale

1. Anello del Lago di Ceresole

Un itinerario facile e adatto a tutti, ma che regala scorci altamente suggestivi. Il popolarissimo Anello del Lago di Ceresole è un percorso di circa 8 km totali, misto asfalto e sterrato, che costeggia lo specchio d’acqua formato dalla grande diga. Soleggiato per buona parte della giornata, nel pomeriggio si snoda all’ombra dei larici della sponda destra. È facilmente percorribile anche dai bambini, per i quali sono disponibili alcune aree gioco attrezzate.

Gran Paradiso escursioni

Si può partire da Pian della Balma o dalla borgata Villa di Ceresole Reale, dove è possibile noleggiare biciclette. Gran parte del percorso è in piano e si mantiene a un’altitudine di circa 1.600 m slm, con qualche tratto in pendenza in prossimità della diga e della bella cascata Dres.

Per i più allenati che volessero allungare l’escursione, dalla sponda destra orografica del lago di Ceresole Reale, in prossimità di Villa Poma, parte un sentiero che dopo una decina di minuti di cammino si biforca e conduce da un lato verso il Passo della Crocetta e dall’altro verso il Lago di Dres e il Rifugio Leonesi.

Gran Paradiso escursioni

2. Vallone di Piantonetto

L’affascinante Vallone di Piantonetto è lo scenario di una delle più belle – e poco battute – passeggiate che si possano fare sul lato piemontese del Parco Nazionale Gran Paradiso.

Il vallone si dirama dalla Valle Orco in prossimità di Rosone: una serie di tornanti e vi ritroverete in un ambiente alpino selvaggio di suggestiva bellezza, un anfiteatro naturale percorso da un torrente e disseminato di boschetti, baite e mucche al pascolo, circondato da vette imponenti, meta dei climber di tutto il mondo.

Potete arrivare in auto fino alla località Ghiglieri, dove si trova l’incubatoio ittico che svolge azioni di tutela degli ecosistemi acquatici del Parco, e quindi proseguire la passeggiata a piedi lungo la strada e i sentieri di fondovalle fino alla località San Giacomo.

3. Lago di Teleccio – Rifugio Pontese

Gran Paradiso escursioni

Se invece siete pronti per un’escursione più impegnativa, risalite in auto tutto il Vallone di Piantonetto, lungo una strada che a tratti è davvero molto impervia, fino a giungere all’imponente diga e al Lago di Teleccio, che vi sorprenderà con il suo stupefacente color verde acquamarina.

Lasciata l’auto nell’ampio parcheggio, prendete il sentiero che cinge la sponda orografica sinistra del lago e si inerpica poi verso il rifugio Pontese. La salita non è particolarmente difficile e una volta giunti al rifugio vi si aprirà lo spettacolare panorama sui Becchi della Tribolazione e la Torre del Gran San Pietro. Con un pizzico di fortuna potreste anche avvistare qualche stambecco o rapaci in volo sulle creste rocciose.

Potete sostare al Rifugio Pontese (2200 m) per ristorarvi con un piatto di polenta o un tagliere di salumi e formaggi locali e, volendo, anche pernottare. I più allenati possono poi proseguire l’escursione fino al Pian delle Muande e ridiscendere verso il Lago di Teleccio lungo l’AVC (Alta Via Canavesana) attraverso il Colle dei Becchi e l’Alpe Fumietto.

4. A piedi tra le nuvole all’Altopiano del Nivolet

Indubbiamente la meta escursionistica più ambita del Parco Nazionale Gran Paradiso, l’Altopiano del Nivolet, attraversato dagli ampi meandri della Dora del Nivolet, laghetti e torbiere, è una delle zone umide più ad alta quota in Europa. Si estende dall’alta Valle Orco all’alta Valsavaranche, sul versante valdostano, a un’altitudine media di circa 2420 metri.

Gran Paradiso escursioni

Si raggiunge dal versante piemontese da Ceresole Reale, attraverso il Colle del Nivolet (2600 m), seguendo la strada statale tutta curve realizzata negli anni ‘50 oppure i sentieri che si snodano tra le praterie d’alta quota.

Dal parcheggio in prossimità del Lago Serrù (2275 m), si sale al Lago Agnel (2295 m), quindi ai Laghetti Losere (2430 m); superato il Colle del Nivolet (2600 m) in prossimità del Rifugio Città di Chivasso, si discende verso l’Altopiano con i Laghi Nivolet (2532 m) e il rifugio Savoia.

Da qui non solo potete ammirare la vetta del Gran Paradiso (4061 m) in tutta la sua maestosità, ma anche avvistare stambecchi, camosci, volpi, ermellini, avere incontri ravvicinati con lepri e marmotte e magari avere anche la fortuna di osservare i volteggi dell’aquila reale o del gipeto.

Certo, l’intero itinerario è decisamente impegnativo: dalla borgata Villa di Ceresole Reale al Piano del Nivolet sono ben 16 km di strada, per un totale di 1.030 m di dislivello. La buona notizia è che, oltre che a piedi o in auto, può essere percorso anche in moto, in bici, e-bike (si noleggiano in paese).

Gran Paradiso escursioni

Oppure potete salire al Nivolet con le comode navette della GTT che nelle domeniche estive di luglio e agosto, quando gli ultimi 6 km della statale numero 50 che porta da Ceresole Reale ai 2.500 m del Colle del Nivolet sono chiusi al traffico privato, rappresentano l’unico mezzo a motore autorizzato a circolare tra il parcheggio del Lago Serrù e il Colle del Nivolet.

Un’ottima soluzione, per chi non vuole faticare o per chi si sposta con bambini piccoli, per salire in quota e godersi senza stress, senza rumori e senza gas di scarico i meravigliosi panorami del Parco Nazionale Gran Paradiso.

5. Giro del Lago Serrù

Una facile passeggiata in quota, il giro del Lago Serrù si snoda praticamente in piano al cospetto delle più alte cime dell’alta valle confinanti con il Parco francese della Vanoise.

Lasciata l’auto al parcheggio sotto la diga, si raggiunge il sentiero che costeggia la conca glaciale del Lago Serrù a un’altitudine di 2.275 m. rivelando fantastici panorami su cime, valloni e ghiacciai che sono il regno di ungulati e rapaci, mentre nelle praterie che circondano lo specchio d’acqua risuonano i richiami delle marmotte.

I più allenati possono spingersi fino alle baite dell’omonimo alpeggio sovrastante per godersi il maestoso panorama che abbraccia la Valle Orco nella sua totalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.