Ragusa Ibla, gioiello barocco

Pubblicato il da Emmegì

E' considerata la capitale del barocco siciliano, e già questo è un buon motivo per visitare Ragusa Ibla, patrimonio dell'Unesco che si rivela un autentico scrigno di tesori. L'antico centro storico, in posizione dominante su una collina, ci accoglie con le sue casupole e stradine sulle quali svetta il maestoso Duomo di San Giorgio, massima espressione del barocco ibleo, che dal 30 maggio al 1 giugno sarà al centro delle celebrazioni per la Festa di San Giorgio, patrono della città, che culmina nella processione per le strade di Ibla, con la statua del Cavaliere portata a spalla dai fedeli e seguita da una folla di devoti. Per l'occasione la chiesa viene addobbata con stendardi, fiori e luci e la statua del santo viene posta al centro della chiesa per la venerazione dei fedeli.

Nelle oltre cinquanta chiese e numerosi palazzi nobiliari, la ricchissima architettura barocca in pietra locale calcarea assume la forma di volute, di vuoti e di pieni, di colonne e capitelli, di statue e di decorazioni di vario tipo. Incastonato sul costone ibleo, all’interno di un palazzo del XIX secolo, fra la chiesa di Santa Maria dei Miracoli e il Convento del Gesù si trova il San Giorgio Palace Hotel, affacciato sulla suggestiva vallata Santa Domenica, ottima base per scoprire la città e i dintorni.

Originariamente costruito dalla famiglia Bertini che scelse questo luogo per la posizione silenziosa e la lussureggiante natura circostante, l’edificio è stato ristrutturato nel 2010 e portato all’originale splendore grazie al rispetto della struttura e dei materiali originali. Le camere arredate con eleganza nei caldi colori tipici della zona sono tutte affacciate sulla vallata, con prezzi a partire da 110 Euro per la doppia.

La favorevole posizione del San Giorgio Palace Hotel consente di poter raggiungere facilmente in un’ora d’auto mete intorno a Ragusa che diventano splendide occasioni di scoperta. I dodici comuni del territorio ragusano offrono infatti una vasta scelta di brevi e lunghe escursioni: dalle zone rivierasche come Pozzallo o Santa Croce, alle zone interne cme Comiso, Vittoria e Acate; dai comuni montani come Chiaramente Gulfi, Giarratana, Monterosso Almo; luoghi famosi come la Modica di Quasimodo o la Scicli cantata da Vittorini od infine la vicina Ispica con il suo liberty.

Chi ama il mare può puntare a colpo sicuro verso la costa. A soli venticinque chilometri da Ragusa Ibla si trovano spiagge insignite dalla Bandiera blu come quella del Porto Turistico di Marina di Ragusa e quella del Porto di Pozzallo, dal quale si può raggiungere in poco più di un’ora anche Malta.

Scegliendo di dirigersi a nord ecco Siracusa e le spiagge di Fontane Bianche, attraverso riviere comeDonnalucata, Sampietri, la zona Ispica e Noto, altra perla del barocco siciliano. Verso Sud e ad Ovest si susseguono Caucana con i suoi antichi resti, Punta Secca con il suo faro, la spiaggia dorata di Randello, Scoglitti, e la Riviera Gela con le sue spiagge e i suoi monumenti. Una menzione a parte merita il sito di Kamarina per i suoi gioielli archeologici. Da qui, inoltre, è facile raggiungere Piazza Armerina per ammirare i mosaici di origine romana e Caltagirone, con le sue rinomate ceramiche.