travel

Costiera Amalfitana itinerario romantico in 5 tappe

Costiera Amalfitana

Alla scoperta della Costiera Amalfitana, itinerario romantico da Vietri sul Mare a Positano tra borghi gioiello, spiagge, scogliere e hotel di charme perfetti per un’indimenticabile fuga d’amore.

Solo 50 chilometri di strada separano Vietri sul Mare da Positano. Ma che strada! Il Nastro Azzurro (così è soprannominata!) si snoda a picco sul mare lungo il più spettacolare tratto di costa tirrenica, rivelando a ogni curva scorci sublimi e collegando i 13 comuni della Costiera Amalfitana.

L’ho percorsa in lungo e in largo la scorsa settimana durante #SalernoC2C, il blogtour organizzato in collaborazione con #Tbnet, con l’obiettivo di scovare indirizzi preziosi, chicche e curiosità da suggerirvi se avete in programma un week-end in Costiera, meglio se in coppia, visto che siamo in una zona ad altissimo tasso di romanticismo.

Costiera Amalfitana cosa vedere

Amalfi

Duomo di Amalfi
Duomo di Amalfi

“Signorì, qui ci stanno dei limoni che se solo lo prendi in mano ti caccia un profumo che è una cosa inebriante”. E io mi lascio inebriare senza opporre resistenza, ben sapendo che questa non sarà che la prima di una lunga serie di esperienze sensoriali che mi attendono durante i miei giorni in Costiera Amalfitana.

Inizia con questo colorito invito davanti a una cesta di limoni giganti (i celebri sfusati amalfitani) la mia visita di Amalfi, la più antica delle quattro Repubbliche Marinare, città d’arte e di mare che sorge praticamente al centro della Costiera, dominata dal grandioso Duomo di Sant’Andrea.

Non fatevi scoraggiare dall’imponente scalinata e salite ad ammirare il portone in bronzo, fuso a Costantinopoli nel 1066, poi entrate a visitare la chiesa, la cripta in cui sono custodite le spoglie di Sant’Andrea Apostolo, e il chiostro, intimo e raccolto.

fontana Amalfi
La fontana De Cape ‘e Ciucci ad Amalfi

Prima di ritornare nella piazza per un meritato limoncello ai tavolini dei numerosi caffè all’aperto, andate alla scoperta dei vicoli del vecchio borgo marinaro, un labirinto di passaggi coperti, sottoportici, piazzette mignon su cui affacciano localini, botteghe, fruttivendoli.

Lasciatevi guidare dal gorgoglìo dell’acqua e in uno slargo scoprirete la bizzarra fontana De Cape ‘e Ciucci, dove un tempo si abbeveravano gli asini che scendevano ad Amalfi dalla Valle dei Mulini carichi di frutta e verdura e che oggi ospita un caratteristico presepe.

Conca dei Marini

Per una serata a due indimenticabile, prenotate un tavolo al Ristorante Calajanara dell’Hotel Conca Azzurra di Conca dei Marini, incastonato in una delle location più strepitose della costiera, a un passo dalla celebre Grotta di Smeraldo. Sull’elegante terrazza a picco sugli scogli e con vista su Capri che brilla in lontananza, gusterete piatti d’autore a chilometro zero a base di pesce dei pescatori locali, pasta di Gragnano, formaggi dei Monti Lattari o delle eccellenti materie prime provenienti dalla Tenuta Campitiello, di proprietà del patron Salvatore Criscuolo.

Costiera_terrazzo
Il Ristorante Calajanara a Conca dei Marini

Noi abbiamo gustato uno squisito risotto al limone sfusato con gamberi, zuppa di pesce e, dulcis in fundo, una sontuosa sfogliatella di Santa Rosa. Forse non lo sapete, ma il dolce napoletano famoso nel mondo fu creato quasi per caso nel ‘700 proprio qui a Conca dei Marini, dalle suore del vicino monastero di Santa Rosa.

Potete poi fermarvi a dormire in una delle camere di grande charme dell’albergo Conca Azzurra, manco a dirlo eletto da TripAdvisor tra gli hotel più romantici d’Italia. Sono una diversa dall’altra, tutte con terrazza privata sospesa sul mare, dove al mattino potete fare colazione con una delle viste più incantevoli di tutta la Costiera Amalfitana.

Costiera_sfogliatella
Sfogliatella

Ravello

Un tuffo nelle acque limpide della baia di Conca e poi via, verso Ravello, il borgo amato da artisti, scrittori, musicisti, attori e divi di Hollywood che, ne sono certa, vi conquisterà. Prendetevela comoda, perché Ravello va assaporata con calma, passeggiando senza fretta tra i vicoli, i giardini e gli antichi palazzi della nobiltà locale, molti dei quali ospitano oggi hotel tra i più esclusivi della Costiera Amalfitana.

Come Villa Cimbrone, la magnifica residenza che sorge su un promontorio in cima al paese, dimora di nobili famiglie locali fino all’inizio del ‘900, quando fu acquistata da un banchiere inglese, certo Ernest William Beckett.

Costiera_VillaCimbrone
L’Hotel e i Giardini di Villa Cimbrone a Ravello

Fu lui l’artefice del restauro della villa, ma soprattutto della straordinaria sistemazione dell’immenso parco circostante, fondendo magistralmente gli stili botanici inglese e italiano. Il risultato è un giardino unico al mondo e tra i più belli d’Italia, un trionfo di aiuole multicolori, roseti profumati, piante ed essenze rare, disseminato di statue e reperti antichi, che potete visitare anche se non alloggiate nell’albergo, visto che è aperto al pubblico (ingresso 7€).

Costiera_VillaCimbrone
L’Hotel e i Giardini di Villa Cimbrone a Ravello

Una volta entrati, seguite il lungo e suggestivo viale fino alla Terrazza dell’Infinito e preparatevi all’ “effetto Wow”. Il panorama che vi si aprirà davanti supera infatti ogni immaginazione, spaziando sullo scenario straordinario della Costiera Amalfitana fino al golfo di Salerno. Vi sembrerà davvero di essere sospesi tra cielo e mare e capirete perché generazioni di artisti hanno trovato qui ispirazione per le loro opere.

L’hotel non è da meno. Non per niente è stato il rifugio segreto di una divina come Greta Garbo e il libro degli ospiti vanta un lungo elenco di celebrities, tra cui Richard Gere è solo l’ultimo in ordine di apparizione. Sogni d’oro garantiti nelle sue camere con gli arredi antichi, le antiche piastrelle vietresi e i soffitti affrescati, che affacciano su uno dei panorami più spettacolari del mondo.

Lo stesso che fa da sfondo ai concerti del Ravello Festival, appuntamento imperdibile se siete appassionati di musica. Per tutta l’estate alterna concerti di classica, sinfonica, jazz e pop nella straordinaria cornice di Villa Rufolo, l’altro celebre giardino di Ravello, legato al ricordo di Richard Wagner, che vi trovò ispirazione per il Parsifal.

Cetara

A questo punto, se volete ritrovare l’atmosfera di un autentico borgo marinaro, dirigetevi verso Cetara, il più importante porto peschereccio della costa di Amalfi. I suoi abitanti sono perlopiù pescatori specializzati nella pesca al tonno e infatti qui ha sede una delle maggiori flotte di pescherecci d’alto mare del Mediterraneo.

Costiera_Cetara
Costiera Cetara

Ma Cetara è famosa anche per una specialità tipica tutta da gustare: la colatura di alici, una salsa piccante ricavata dal residuo del deposito delle acciughe nei barili. Lo so, detto così non sembra particolarmente appetitoso, ma andate all’Acqua Pazza, delizioso locale proprio sul porto e vi si aprirà un mondo di profumi, storie e sapori dimenticati, dalle alici sotto sale al carpaccio di tonno e spada, dalla frittura di alici di rara leggerezza alle immancabili linguine con la colatura di alici.

A raccontarvi le storie del paese penserà poi Gennariello, il patron del locale, che di Cetara conosce ogni pietra e leggenda e con la sua passione ve la farà amare al punto che partirete con la voglia di ritornare, presto.

Costiera_Cetara
Costiera Cetara

Vietri sul Mare

Siamo quasi alla fine del nostro viaggio, ma c’è ancora tempo per una sosta. Ovviamente a Vietri, perché non si può lasciare la Costiera Amalfitana senza portarsi a casa almeno una tazza, un vaso, un piatto, o anche solo una piastrella, allegri e colorati come solo le maioliche locali sanno essere.

Arrivando in quella che è considerata una delle capitali italiane della ceramica, rimarrete colpiti dalla quantità di botteghe di ceramisti, molti di antica tradizione. Sarà un vero piacere girare di bottega in bottega alla ricerca di un regalo speciale, da fare o da farsi, un piccolo concentrato della solarità e della gioia di vivere di questa terra.

Splendide ceramiche vietresi decorano anche le camere e le sale da bagno del Lloyd’s Baia Hotel, dove potrete trascorrere l’ultima notte, approfittando della vicinanza con il ristorante Re Maurì, che si trova proprio lì a fianco, per concedervi un cena davvero regale.

Costiera Re Maurì

La nostra è stata ampiamente all’altezza della fama del locale e del giovane chef Lorenzo Cuomo, con un menu che apriva con Gamberetto Rosso con Battuta di Fassone Piemontese e neve di Ostrica, proseguiva con un Riso Carnaroli all’Acqua di Pomodoro con Crudité di Pesce (top!), poi Baccalà, Zuppa di Pesce, Alghe e Sfoglia di Pane alla Pizzaiola, per concludere con un dessert di Banana, Caramello e Rum. Una bontà!

Hotel romantici in Costiera Amalfitana

Hotel San Pietro, Positano

Incastonato su un promontorio a strapiombo sul mare, l’hotel San Pietro di Positano dispone di 57 camere e suite con terrazza privata e una vista unica sulla costiera amalfitana e i Faraglioni di Capri.

Hotel San Pietro Positano

La villa sognata da Carlo Cinque cinquant’anni fa per ospitare visitatori da tutto il mondo, sorge nel verde di orti e giardini della dimora, che si sviluppano sui tipici terrazzamenti della Costiera Amalfitana che digradano verso il mare, in una zona strategicamente distaccata dal centro di Positano e dalla sua vivacità.

Due i ristoranti: lo stellato Zass (1 stella Michelin) e Carlino, sulla spiaggia privata, raggiungibile con un ascensore privato scavato nella roccia. Per i più sportivi, non mancano un campo da tennis regolamentare e, sotto a un limoneto, un’area fitness attrezzata.

Hotel Le Agavi, Positano

Tra tornanti di roccia a picco sul mare e vicoli che profumano di limone e ginestre, Le Agavi si trova appena fuori Positano, in un luogo incantevole che sembra sospeso tra cielo e mare. Parte del circuito les Collectionneurs presieduto da Alain Ducasse, è la soluzione ideale per  momenti indimenticabili di relax, nella quiete della piscina e della spiaggia privata, ma anche in Spa per un’immersione sensoriale di benessere sempre con vista mare.

Le Agavi_les Collectionneurs

Si alloggia in camere e suite  arredate in stile mediterraneo, che affacciano con terrazzini privati sull’infinito o sul panorama incantevole di Positano. Per una cena romantica, c’è il ristorante La Serra, nel corpo centrale dell’hotel, che affianca il Remmese, situato invece sulla spiaggia, entrambi con la supervisione dello chef stellato Luigi Tramontano.

Hotel Santa Caterina, Amalfi

Storico hotel della Costiera Amalfitana, il Santa Caterina è un 5 stelle lussoda cui si abbraccia il golfo di Amalfi dall’alto di una scogliera che digrada verso il mare con una cascata di giardini e agrumeti.

Hotel Santa Caterina

Nell’albergo preferito dalle star, che ha fatto da sfondo al coup de foudre tra Angelina Jolie e Brad Pitt, potete scegliere tra diverse sistemazioni, tra camere, suite e lussuose dépendance immerse nel parco lussureggiante.

Un sentiero di spettacolare bellezza conduce agli impianti sul mare che comprendono una piscina con acqua marina, solarium, fitness centre, caffè/bar e il ristorante Al Mare, dove gustare anche a pranzo piatti tradizionali e prevalentemente marinari.

Affacciato sul magnifico panorama del golfo di Amalfi, l’elegante Ristorante fine dining Glicine, che si fregia di una stella Michelin, è è l’ideale per romantiche cene a lume di candela.

Monastero Santa Rosa Hotel & Spa, Conca dei Marini

Un tempo convento di clausura delle monache Domenicane che lo fondarono nel Seicento, oggi il Monastero Santa Rosa Hotel & Spa di Conca dei Marini è un luxury Boutique Hotel isolato sulla cima di un aspro sperone roccioso da cui si gode una vista incomparabile sul Golfo di Salerno.

Hotel Monastero Santa Rosa

Un luogo privilegiato in cui rifugiarsi per una vacanza in totale privacy e sicurezza all’insegna del relax e del benessere fra nuotate nell’infinity pool, trattamenti nella Spa, attività all’aria aperta e cucina gourmet al ristorante stellato Il Refettorio.

Ai suoi tavoli, disseminati fra tre terrazze e una sala interna, si gusta la cucina mediterranea creativa, innovativa, fantasiosa, interpretata con maestria dallo chef Christoph Bob con i prodotti del rigoglioso orto e a quanto di meglio offrono la stagione e il territorio.

Senza dimenticare la golosità del resort: le celebri Sfogliatelle di Santa Rosa che erano il vanto delle monache Domenicane.

Hotel Raito, Vietri Sul Mare

Design elegante e moderno per camere e suite, con terrazze panoramiche o balconi privati, in uno scenario unico, tra il blu del mare ed il verde di uliveti e agrumeti che digradano lungo la costa, caratterizzano l’Hotel Raito di Vietri sul Mare.

Hotel Raito

Al ristorante “Il Golfo” e all’“ExLounge Bar & Grill” lo chef Francesco Russo, che riesce sempre a stupire i commensali con piatti tipici della tradizione italiana e mediterranea. Non mancano aree dedicate al benessere con due piscine esterne e l’Expure Spa, con bagno turco, lettini sensoriali, idromassaggio, area relax, solarium e trattamenti personalizzati.

Inoltre, per chi nell’estate 2020 desidera trascorrere una vacanza con i propri cari in una dimora d’eccellenza, la possibilità di riservare in esclusiva il Relais Paradiso, incastonato tra i profumi e i colori della fitta vegetazione della Costiera Amalfitana. Una villa tornata a nuova vita con arredi di design, ampia piscina in terrazza con vista e piscine private nelle camere da letto, servizi su misura con staff attento e professionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!