travel

Il Festival dei Giardini della Costa Azzurra

Giardini della Costa Azzurra

A primavera la Costa Azzurra è un’esplosione di colori e profumi. Quest’anno più che mai con il Festival dei Giardini della Costa Azzurra che vede protagoniste e sue spettacolari fioriture. Per tutto il mese di Aprile non soltanto potrete visitare gli 80 incantevoli giardini della regione aperti al pubblico, ma anche i 10 giardini effimeri sul tema del “Risveglio dei Sensi”, creati appositamente per il Festival IN in cinque località tra le più fascinose della riviera francese, e partecipare al ricco calendario di eventi, animazioni, visite guidate, mostre e laboratori di giardinaggio del Festival OFF.

Quanto basta per riempire un week-end di primavera all’insegna del verde e dell’art-de-vivre, lungo un itinerario di charme, lasciandovi guidare dagli aromi delle tipiche essenze mediterranee e dal tripudio di colori e profumi delle magnifiche fioriture che fanno della Costa Azzurra uno straordinario giardino.

Giardini della Costa Azzurra

Costa Azzurra cosa vedere

Mentone : Giardini Biovès

Arrivando dall’Italia, la prima sosta è a Mentone, la città dei limoni, famosa per le sue aree botaniche già nel XVIII secolo. Qui potete visitare i primi giardini effimeri ai Giardini Biovès, situati al centro della città, che portano il nome del sindaco di Mentone alla fine del XIX° secolo. Allestita sulla copertura del fiume Careï, questa passeggiata di 800 metri sfoggia, lungo tutto l’anno, prati fioriti, essenze esotiche, sculture e fontane.

Un circuito di giardini eccezionali, organizzato dal servizio del Patrimonio, vi consente di scoprire altri magnifici spazi, dal giardino Serre de la Madone ai Giardini di Colombières e di Fontana Rosa, tutti esempi concreti della valorizzazione del patrimonio botanico. Giardini della Costa Azzurra

Nizza : Giardino Albert I sulla Promenade du Paillon

Quasi 300 ettari di parchi e giardini disegnano paesaggi inediti e onirici in quella che ha l’ambizione di diventare la “Città verde del Mediterraneo”, dove la dolcezza del clima ha permesso l’acclimatazione di numerose specie vegetali dal mondo intero. Ed è proprio un viaggio botanico attraverso i continenti la Passeggiata del Paillon, dove sono ambientati i due giardini effimeri. Ovviamente il Mediterraneo è largamente presente con le verdi querce, i maestosi pini a ombrello e i cipressi di Provenza, in un percorso verde che corre lungo tutta la Promenade, rigoglioso di ulivi, di vigne, di carrubi, melograni, fichi e altre piante del sud dell’Europa.

Antibes Juan-les-Pins : Pineta Gould

Il parco della Villa Eilenroc, il roseto, Cap d’Antibes, l’espace Mer et Littoral, la Villa Thuret e il parco Exflora, ad Antibes Juan-les-Pins il verde è praticamente ovunque. Ovviamente la zona più suggestiva è quella del celebre Cap d’Antibes, la cui passeggiata inizia accanto alla Pineta Gould, che tanto affascinò i primi abitanti con i suoi pini a ombrello, oggi centenari, i sinuosi sentieri e la vista strepitosa sul mar Mediterraneo. La cornice ideale per due dei giardini effimeri del Festival.

Giardini della Costa Azzurra

Cannes : Giardino di Villa Rothschild

Incastonata in una cornice naturale unica, tra la baia, le isole e le colline, Cannes è a tutti gli effetti una città-giardino. Passeggiando per la città, di certo noterete l’elegante Villa Rothschild, che fin dalla sua costruzione è stata un luogo di culto della vita mondana. Nel suo delizioso giardino paesaggistico, rinfrescato da una cascatella alimentata dalla Siagne, potete scoprire due giardini effimeri che partecipano al Festival, oltre a numerose varietà di essenze rare, tra cui cyca, palme e conifere. A breve distanza sorge il Barrière Le Majestic Cannes, uno dei leggendari palace hotel della Croisette dall’accoglienza stellare: la sistemazione ideale da cui partire alla scoperta delle tante attrazioni del Festival dei Giardini della Costa Azzurra.

Festival dei Giardini della Costa Azzurra

Grasse : Giardino della Villa Fragonard

Certo in questo itinerario non può mancare una sosta a Grasse, la capitale del profumo. Un’attività, quella dei profumieri, che presto potrebbe essere riconosciuta dall’UNESCO quale parte del patrimonio immateriale per il “savoir-faire delle piante da profumo”. E dove ci sono profumi ci sono fiori, quindi giardini. E quelli di Grasse, vi assicuro, sono da vedere anche solo per le meraviglie floreali e botaniche che vi prosperano. Tra i più noti, lo splendido Giardino Botanico Fragonard, che si inserisce armoniosamente nello scenario prestigioso della celebre fabbrica dei profumi e ospita due creazioni del 1°Festival dei Giardini della Costa Azzurra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!