travel

Lago di Como cosa vedere a Como e dintorni

Lago di Como cosa vedere

Lago di Como cosa vedere a Como e dintorni: le dieci migliori attrazioni tra borghi incantevoli e giardini lussureggianti.

Como è la meta ideale per un rilassante week-end in Lombardia, punto di partenza per andare alla scoperta delle meraviglie naturali e artistiche del Lago di Como. Non prima però di aver visitato questa accogliente città lacustre e fatto shopping di capi in seta pregiata nelle sue eleganti boutique. Ecco una selezione delle 10 migliori cose da vedere sul Lago di Como.

Cosa vedere a Como

1. Duomo di Como

Ultima delle cattedrali gotiche costruite in Lombardia, il Duomo di Como è stato completato nell’arco di tre secoli e mezzo. E’ quindi un mix unico di diversi stili architettonici, al quale hanno contribuito numerosi architetti e artisti, che vi sorprenderà per l’armonia delle sue forme e la ricchezza di opere d’arte custodite all’interno.

La facciata in marmo del XIV secolo della cattedrale di Como, che domina un lato di Piazza Duomo, è in puro stile gotico, impreziosita da dettagli scolpiti in pietra e statue attorno al rosone, bordato da delicati pinnacoli. Entrate dal portale principale, affiancato a sorpresa dalle statue di Plinio il Vecchio e di Plinio il Giovane, antichi residenti del Lario, per ammirare l’interno ricco di affreschi, dipinti e sculture del XVI secolo, che culminano nel magnifico altare maggiore.

2. Basilica di Sant’Abbondio

Vale la pena fare una passeggiata dal centro per vedere questa straordinaria chiesa dell’XI secolo, la Basilica di Sant’Abbondio è tra le più antiche della zona. Capolavoro del romanico lombardo, è opera dei mastri comacini, all’epoca rinomati in tutta Europa per la loro maestria. L’interno, piuttosto spoglio, è bilanciato dall’abside altamente ornata da splendidi affreschi gotici risalenti alla metà del XIV secolo.

3. Tempio Voltiano

Passeggiando sul lungolago di Como è impossibile non notare l’elegante edificio neoclassico del Tempio Voltiano, chiaramente ispirato al Pantheon. Ospita il museo più visitato della città, dedicato allo scienziato Alessandro Volta, originario di questi luoghi, inventore della pila elettrica, la prima fonte di corrente elettrica continua. Costruito nel 1927 in occasione del centenario della morte di Volta, espone memorabilia, attrezzature e strumenti utilizzati nei suoi esperimenti.

4. Brunate

Dall’estremità orientale del lungolago di Como, la funicolare inaugurata nel 1894 è il mezzo più rapido e suggestivo per raggiungere il borgo di Brunate, rivelando scorci mozzafiato.

Da lassù potrete ammirare uno straordinario panorama che spazia dalla città al lago con i borghi rivieraschi incorniciati dalle montagne. In cima al monte Tre Croci svetta il Faro Voltiano, una torre ottagonale alta 29 metri eretta nel 1927 per commemorare il centenario della scomparsa del grande fisico comasco.

Lago di Como cosa vedere

5. Villa Balbianello

Sulla sponda occidentale del lago, ai piedi del Monte Crocione, sorge Lenno, conosciuta per la villa e i favolosi giardini che ricoprono Punta di Balbianello, una lunga penisola sul lago. La tenuta è tra le proprietà più visitate del FAI, soprattutto da quando è stata la location di scene di film di successo come Casino Royale e Star Wars Episodio II: L’attacco dei cloni.

Lago di Como Villa Balbianello
Lago di Como Villa Balbianello

 

La villa barocca costruita per un cardinale alla fine del XVI secolo è visitabile solo con tour guidati, ma la vera meraviglia sono i rigogliosi giardini a terrazze: un tripudio di fiori e piante rare, colonne e balaustre che creano un’armoniosa combinazione di arte e natura, incorniciando incantevoli scorci del lago. Il modo migliore per arrivarci è in barca da Lenno oppure a piedi, percorrendo un sentiero fino alla villa.

6. Giardini di Villa Carlotta

I lussureggianti Giardini di Villa Carlotta, che si estendono su circa 20 acri lungo la Riviera di Tremezzo, nel punto più mite del Lago di Como, sono tra i più famosi d’Italia e valgono sicuramente il viaggio se siete appassionati di fiori e botanica.

Il periodo migliore per la visita è maggio, quando le camelie e i rododendri sono in fiore e formano spettacolari macchie di colore attorno alla villa settecentesca che prese il nome dalla Principessa di Prussia Charlotte.

7. Abbazia di Piona

Raggiungete Colico per scoprire quell’autentica oasi di pace e spiritualità che è l’Abbazia di Piona, il monastero cistercense in stile gotico lombardo del XIII secolo che comprende anche la chiesa di San Nicola dell’XI secolo.

Soffermatevi nel bellissimo chiostro per ammirare le delicate colonne, ognuna con un diverso capitello in pietra scolpito con motivi di piante e animali, e le pareti ricoperte di affreschi del XIV e XV secolo. E prima di lasciare l’abbazia, fermatevi nel piccolo negozio per acquistare i prodotti dei monaci, tra cui liquori a base di erbe, miele e caramelle balsamiche.

8. Bellagio

Di gran lunga la più affascinante località da vedere sul lago di Como, Bellagio sorge proprio sulla punta della penisola che separa i due bracci meridionali del Lario. Prendetevi il tempo per passeggiare nelle sue stradine acciottolate, su cui affacciano raffinate boutique e deliziosi ristorantini perfetti per un pranzo vista lago.

Anche qui, ovviamente, non mancano ville e giardini. I più famosi sono quelli di Villa Melzi d’Eril, con terrazze, statue, cipressi in riva al lago, attorno all’elegante villa neoclassica.

9. Varenna

Il castello medievale di Vezio circondato da un uliveto è la principale attrazione della pittoresca Varenna, dove con un po’ di fortuna potreste anche assistere a un’esibizione di falconieri. Da non perdere anche i giardini terrazzati su più livelli di Villa Cipressi. Una curiosità: qui scorre il Fiumelatte, il fiume più corto d’Italia.

10. Il Sentiero del Viandante

Oltre che in barca, potete esplorare le sponde del Lago di Como a piedi, lungo i facili itinerari escursionistici che collegano le varie località rivierasche.

Il più famoso è il Sentiero del Viandante, un percorso di 45 chilometri (ma può essere spezzato in più tratti) immerso nel verde della costa orientale del Lago di Como, attraverso bellezze naturali e attrazioni artistiche che lo rendono particolarmente vario e suggestivo.

Dove dormire a Como

Una sistemazione comoda e accogliente dove dormire sul lago di Como è il Park Hotel Meublé, ambientato in una moderna struttura progettata dal celebre architetto comacino Enrico Mantero. Situato in pieno centro, questo hotel 3 stelle a Como è l’ideale sia per brevi vacanze sia per soggiorni d’affari. Dispone infatti di camere singole e doppie, arredate con gusto e tocchi creativi, che all’occorrenza possono diventare camere triple e quadruple per ospitare anche gruppi famigliari con il massimo comfort.

L’accoglienza alla reception è garantita 24 ore al giorno e al mattino un’abbondante colazione a buffet servita in un’ampia sala vi darà la giusta carica per andare alla scoperta delle bellezze del Lago di Como.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!