travel

Rennes Bretagna 15 luoghi da non perdere

Rennes

Rennes cosa vedere nella capitale della Bretagna, 15 luoghi da non perdere in una delle città più vivaci e ricche di cultura della Francia.

A solo un’ora e mezzo di distanza da Parigi in treno ad alta velocità e a un’ora da siti leggendari come Saint-Malo, le spiagge della Costa di Smeraldo, Mont Saint-Michel e la mitica foresta di Brocéliande, Rennes capitale della Bretagna, è il punto di partenza ideale per scoprire una delle regioni più affascinanti di Francia. Una città a misura d’uomo dove è bello passeggiare, a piedi o in bicicletta, con un centro storico scandito da stradine pedonali, le tradizionali case a graticcio, ed eleganti palazzi simbolo di un glorioso passato.

Da non dimenticare, poi, che Rennes è una tappa gastronomica di prima grandezza, dove si possono gustare le famose crêpes e si può scoprire il celebre Marché des Lices, uno dei mercati alimentari più importanti di Francia per i prodotti regionali e i crostacei. Un appuntamento imperdibile che si tiene ogni sabato mattina.

Rennes Bretagna cosa vedere

1. La Place des Lices

Siccome la nostra visita a Rennes coincide proprio con il giorno di mercato, iniziamo a scoprire la capitale della Bretagna da questa bella piazza circondata da edifici dalla tipica architettura bretone. Anche se, diciamolo, quello che catalizza la nostra attenzione è proprio l’animato mercato con oltre trecento artigiani e produttori da tutta la regione, con le bancarelle cariche delle più rinomate specialità bretoni, dal famoso sidro al burro salato, alle galettes.

Rennes
Rennes – Place des Lices

2. Portes Mordelaises

Il centro storico è racchiuso nel perimetro dell’antica cinta muraria della città di Rennes, che fu abbattuta tra il 1600 e il 1800, ma di cui rimangono ancora significativi frammenti, come le storiche Portes Mordelaises, che risalgono al XV secolo, attraverso le quali entriamo nella città vecchia.
Da secoli le Portes Mordelaises rappresentano l’ingresso principale della città, il punto da cui un tempo partivano anche le processioni cerimoniali. Sopra l’arco si vede bene in vista lo stemma dei Duchi di Montfort, che governarono la Bretagna dalla metà del XIV secolo all’inizio del XVI secolo.

3. Torre Duchesne

Poco oltre le Portes Mordelaises, all’interno del muro fortificato, ecco un’altra impressionante vestigia d’epoca medievale: la quattrocentesca Torre Duchesne, un’affascinante struttura che ha svolto un ruolo significativo nella protezione della città dagli attacchi esterni. La torre prende il nome da Jehan du Chesne, che ne fu il primo abitante e guardiano.

4. Cattedrale di Saint-Pierre

Pochi passi ed eccoci di fronte alla Cattedrale di Saint-Pierre, sede dell’arcivescovo di Rennes, che ha mantenuto la sua facciata originale del XVI secolo, anche se il resto della cattedrale è una ricostruzione del XVIII-XIX secolo. L’interno è in stile neoclassico, abbellito da colonne, intonaci, dorature, una grande pala d’altare del XVI secolo e un organo maestoso.
Una magnifica architettura neoclassica costruita nel 1845, ma con una storia che risale fino al VI secolo, la Cattedrale di Saint-Pierre merita sicuramente una visita.

5. Quartiere Medievale

Usciti dalla Cattedrale ci concediamo una passeggiata nella città vecchia, il quartiere di origine medievale caratterizzato da un’eccezionale concentrazione di case a graticcio. Se ne contano ben 286, belle e vivaci, con i loro bar e le terrazze all’aperto, affacciate lungo la rue Saint-Sauveur, la rue du Chapitre, la Place du Champ-Jacquet, la rue Saint-Michel.

Questa parte della città è la più pittoresca, dove i visitatori trascorrono la maggior parte del tempo, passeggiando per le strade ammirando gli antichi edifici e fermandosi per un caffè. Molte delle case risalgono al XVI e XVII secolo, sono dipinte con colori vivaci e incorporano interessanti dettagli storici, alcune hanno cortili interni sul retro delle facciate in pietra , fra vicoli, scale, pozzi, fontane e giardini.

6. La cappella Saint-Yves

Se volete saperne di più sull’affascinante storia della città, fate una sosta alla cappella Saint-Yves, oggi sede dell’Ufficio del Turismo di Rennes, dove oltre a rifornirvi di carte e guide, potete visitare la mostra permanente “Rennes, Métropole d’art et d’histoire”, che offre un’interessante panoramica dei principali monumenti della città, arricchita con documenti storici e fotografie.

7. Piazza del Parlamento di Bretagna

Cuore del centro storico è la Piazza del Parlamento di Bretagna, dominata dall’imponente edificio del Parlamento, che risale al XVII secolo.
Simbolo iconico dell’Ancien Regime, il Parlement de Bretagne è stato la sede della Corte Sovrana di Giustizia della Bretagna, fondata nel 1554. Costruito per ospitare il Parlamento nel 1655, questo magnifico edificio ha mantenuto la sua funzione fino alla sua dissoluzione durante la rivoluzione francese nel 1790. Oggi ospita la Corte d’Appello di Rennes ed è aperto al pubblico con visite guidate.

Rennes
Palazzo del Parlamento di Bretagna a Rennes

8. Piazza del Municipio

La Place de la Marie è dominata dal Municipio del XVIII secolo (il precedente municipio fu distrutto nel grande incendio del 1720) con imponenti ali in stile classico ai lati di un grande campanile.
Sul lato opposto di Place de la Mairie, proprio di fronte al Municipio, l’ottocentesco Palazzo dell’Opera è stato dichiarato “Monumento Storico” di Francia: all’interno vanta una sontuosa sala decorata all’inizio del XX secolo dal brillante pittore Jean-Julian Lemordant.

9. Place de la Republique

Lasciato il centro storico, arriviamo in Place de la Republique con l’imponente Palais du Commerce, uno dei monumenti più emblematici della città, ricostruito dopo l’incendio del 1720. Punto di convergenza di molte linee di autobus e della metropolitana, la piazza è vivacemente movimentata a tutte le ore del giorno.

Rennes3s
Rennes Place de la Republique

10. Musée des Beaux-Arts

Come molti musei regionali francesi, il Musée des Beaux-Arts di Rennes fu aperto subito dopo la Rivoluzione per esporre opere requisite da edifici religiosi e case signorili nella zona. Tra queste spiccano le collezioni d’arte di Christophe-Paul de Robien, con squisiti artefatti egiziani, greci, etruschi e romani, ancora oggi in mostra. Le opere d’arte spaziano dal XIV secolo fino ai giorni nostri, con un’enfasi sul barocco del XVII secolo con pezzi di Georges de la Tour, Maarten Van Heemskerck e Rubens, Sisley, Boudin e Gauguin.

11. Les Champs Libres

Les Champs Libres è un innovativo centro culturale nel cuore di Rennes realizzato tra il 1993 e il 2006 dall’architetto Christian Portzamparc. Il progetto ha combinato il Museo della Bretagna con la nuova biblioteca e il centro scientifico della città, ed è intrigante vedere come i tre elementi si fondano perfettamente l’uno nell’altro.

12. Convento dei Giacobini

Altro importante polo culturale di Rennes, il Convento dei Giacobini presenta quest’anno dal 12 giugno al 29 agosto 2021 la collezione di arte contemporanea di François Pinault, che porta in primo piano il Bianco e Nero, colori emblematici della Bretagna ma anche dei monaci domenicani, primi occupanti del convento dei Giacobini. Molte di queste opere saranno presentate per la prima volta in Francia! Congiuntamente, una mostra al museo delle Belle arti esplorerà i legami tra materia e colore, mentre anche altri luoghi della scena di Rennes proporranno la scoperta di opere d’arte contemporanee, facendo della capitale della Bretagna la destinazione irrinunciabile dell’estate 2021!

13. Hôtel-Dieu di Rennes

Oltrepassate i cancelli dell’Hôtel-Dieu, nel centro storico di Rennes, e scoprite “the place to be” della capitale bretone! Sotto il tetto del vecchio ospedale trovate oggi un mix di attività sportive, culturali e golose. Una parte dell’edificio ospita infatti una palestra di roccia su cui potete cimentarvi in scalate in tutta sicurezza, per poi spostarvi al The Roof Rennes o al bistro Origines, locali allestiti intorno all’antico chiostro, dove potete assistere a un breve concerto sorseggiando una birra artigianale prodotta nell’ex blocco operatorio.

14. Parc du Thabor

Per una passeggiata nel verde, raggiungete invece il Parc du Thabor. Progettato nel XIX secolo da Denis Bühler sul sito del frutteto di un’ex abbazia benedettina, è un’incantevole oasi naturale di dieci ettari che comprende un giardino alla francese, un giardino all’inglese, un roseto, un giardino botanico, serre, fontane e il celebre Café-expo de l’Orangerie.

15. La Vilaine a Rennes

Giunti al termine del nostro tour di Rennes, che ne dite di fare una passeggiata, magari al tramonto, lungo le rive della Vilaine, il fiume che attraversa la città. A dispetto del nome, questo pacifico corso d’acqua non ha nulla di villano, al contrario è un luogo di grande serenità. Decimo fiume di Francia con i suoi 225 chilometri di percorrenza, la Vilaine è stato anche uno dei primi bacini francesi ad essere canalizzato già nel XIV secolo e per questo è abbastanza frequente scorgere delle houseboat che solcano le sue placide acque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.