C'è Profumo di viaggio al Festival Viaggiando il Mondo

Pubblicato il da Maria Grazia Casella

C'è Profumo di viaggio al Festival Viaggiando il Mondo

Ci sono mille modi per raccontare un luogo, che sia una città o una destinazione, con le parole, ovviamente, ma anche con la musica, i sapori e, perché no?, gli odori. In questo caso si parla di “fragranze location”, ovvero quella particolare capacità di inseguire una scia di profumo, anche in viaggio. Un'abilità tipica dei cosiddetti “nasi”, ma che tutti in realtà possiamo affinare. Sarà capitato anche a voi di lasciarvi inebriare da un luogo, di percepirne le storie di odori, di legare nella memoria un viaggio a una fragranza particolare...

Un tema quanto mai affascinante, quello delle corrispondenze olfattive dei luoghi nel mondo, che oggi al Festival Viaggiando il Mondo è stato al centro di un talk show moderato da Mariangela Rossi, giornalista esperta di turismo e di design olfattivo, guida perfetta per un viaggio attraverso le suggestioni dei luoghi legate ai profumi e agli odori, insieme a due ospiti d'eccezione.

Così partiamo dall'Italia, e precisamente dalla Toscana, con la creatrice di fragranze Simonetta Giurlani Pardini, che ci svela l'arte di identificare il profumo di una città, di catturarne l'anima racchiudendone l'incanto nel bouquet di una fragranza. Un esercizio che conosce bene, visto che è la creatrice della linea Segreti di Lucca, nata per rappresentare la città in cui vive, ma senza banalizzarla in una qualsiasi “acqua di”. Per farlo al meglio si è allora fatta ispirare da un personaggio che tanto ha dato e portato alla città Toscana, come Elisa Bonaparte, creando una fragranza che abbina note di magnolia, portate da lei, e note di agrumi, che danno ottimismo e crescono nei giardini segreti della città.

Per seguire invece la tendenza del momento in fatto di profumi, che vede il trionfo incontrastato del Medio Oriente, ci dirigiamo poi verso il Sultanato dell'Oman insieme a Sara Cusmà, che di quel paese rappresenta l'Ufficio del turismo in Italia. Una meta di antica cultura, che affonda le sue radici nella storia, ma sta anche guardando avanti, con uno sviluppo notevole. Qui, l’antica capitale Salalah, uno dei principali porti del Golfo Persico, è punto di partenza verso il nord-ovest della Via dell’Incenso, Frankincense Trail, nominata da qualche anno Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Ma in Oman il profumo di viaggio insegue anche la fioritura e il raccolto di centinaia di cespugli di rose damascene, che si susseguono sino alle gole della montagna Jabal al Akdhar. Mentre il cuore olfattivo della destinazione è racchiuso in Amouage, un profumo tra i più esclusivi e costosi del mondo, sintesi perfetta dell'opulenza mediorientale.

Commenta il post