Halloween in location da brivido

Pubblicato il da Emmegi

Halloween in location da brivido

Per chi vuole vivere la festa di Halloween tra fantasmi e vampiri, Hotels.com, sito leader nella prenotazione di hotel online, propone un tour in location davvero da brivido: nella notte più terrificante dell’anno, dormire in hotel nel quale il vicino di camera sarà nientemeno che un fantasma senza pace, sarà ancora più inquietante!

SVEZIA – Il fantasma buono di Uppsala

Il Krusenberg Herrgård – 4 stelle (a partire da €196 per camera a notte) vicino ad Uppsala, in Svezia, pare godere della protezione di un famoso fantasma, la White Lady. Questo simpatico spettro si diverte a fare scherzi ai turisti facendo oscillare i lampadari e tintinnare le posate in cucina, ma è così rispettato dallo staff dell’hotel da avere addirittura un posto riservato nel miglior tavolo della Pink Dining Room, la sala da pranzo dell’hotel, con affaccio sullo splendido giardino e sul lago.

La medium svedese Terry Evans pare essersi messa in contatto, durante una seduta spiritica in diretta televisiva, con il cuoco che assassinò la White Lady a Krusenberg nel 1917; l’assassino le avrebbe rivelato in quella occasione che il fantasma della donna è ora felice e si prenderà cura della tenuta per i secoli a venire.

CANADA – Il castello infestato di Ottawa

Il Fairmont Chateau Laurier – 4 stelle (a partire da €214 per camera a notte), primo hotel della catena Canadian Pacific Hotels, lega la sua storia a filo doppio con quella del suo creatore, Charles Melville Hays. Il suo fantasma pare infatti aggirarsi ancora oggi per le stanze di questo splendido castello che combina lo stile rinascimentale francese con il neo-gotico, disturbando gli ospiti con sinistri scricchiolii e strani oggetti in movimento.

Andato in Europa a cercare mobili per arredare la sala da pranzo, Hays morì durante il viaggio di ritorno in Canada, a bordo del Titanic. Si dice che abbia deciso di abitare il castello per l’eternità, visto che, nonostante gli sforzi per costruirlo, non ha mai potuto vedere completata la propria opera.

USA – Sulle orme di Stephen King nell’hotel di Shining

Gli amanti del brivido non possono perdersi la possibilità di vedere da vicino l’hotel che ha ispirato Shining, uno dei film più terrorizzanti di tutti i tempi. Stephen King, nello scrivere il romanzo dal quale è stato tratto il film, ha preso ispirazione dal suo soggiorno allo Stanley Hotel – 3 stelle (a partire da €141 per camera a notte) all’interno del Rocky Mountains National Park in Colorado.

I fan del libro affollano ogni anno questo hotel, che fa di tutto per mantenere vivo l’interesse degli appassionati: tutte le stanze infatti hanno accesso ad un canale TV dedicato che trasmette ininterrottamente la versione integrale della pellicola e gli ospiti possono persino avventurarsi in un tour alla caccia dei fantasmi nei sotterranei dell’albergo. Chi non vuole perdersi nemmeno un’emozione, dovrebbe chiedere di soggiornare nella stanza 217, dove ha dormito Stephen King, che la leggenda vuole sia infestata dai fantasmi.

USA – I misteri della nave fantasma

Una nave da crociera a Long Beach, in California, può sembrare una location tutt’altro che tetra, ma tutto cambia se si tratta della The Queen Mary – 3 stelle (a partire da €112 per camera a notte). La nave, storica imbarcazione usata durante la Seconda Guerra Mondiale, è ormeggiata permanentemente in porto ed è conosciuta come “The Grey Ghost”, il fantasma grigio: si dice infatti che diversi ospiti dell’albergo abbiano visto dei fantasmi aggirarsi per la nave. L’hotel, inoltre, è noto per i rumori inquietanti: pare infatti che dalla sala macchine, dove nel 1966 un giovane marinaio è morto tragicamente durante un’esercitazione antincendio, e dalla cucina, dove un cuoco è stato bruciato vivo, si sentano provenire strani rumori e grida terribili.

La Queen Mary è così legata alla nomea di nave infestata che, oltre a mettere in scena ogni giorno uno spettacolo basato sulla caccia ai fantasmi, ha addirittura un proprio centro di ricerca sui fenomeni paranormali.

http://it.hotels.com/

Commenta il post