Pamplona e dintorni sulle orme di Hemingway

Pubblicato il da Martapix

Pamplona e dintorni sulle orme di Hemingway

Dici Pamplona e pensi immancabilmente ai Sanfermines. E poi a Hemingway, assiduo frequentatore della Navarra, che rese la festa di San Fermin famosa nel mondo con i suoi articoli e il romanzo Fiestas (Il sole sorge ancora), in cui raccontò la magnifica impressione che ebbe della cultura taurina, della gastronomia e del carattere della gente.

Oggi possiamo scoprire la città e i suoi dintorni sulle orme del grande scrittore americano, seguendo un itinerario che ripercorre i luoghi che hanno segnato la sua esperienza di vita in questa bellissima terra.

Il futuro Premio Nobel giunse per la prima volta a Pamplona in compagnia della prima
moglie, Hadley Richardson, il 6 luglio 1923. Le feste di Sanfermines lo colpirono così
profondamente che tornò in varie occasioni, l’ultima volta nel 1959. Durante i suoi
soggiorni a Pamplona, di solito soggiornava all'hotel La Perla nella piazza del Castillo
e lo si vedeva spesso seduto in uno dei dehors di questa piazza oppure correre l'encierro.
Era anche amante della buona cucina e cliente abituale di ristoranti e bar, come Casa
Mar
celiano dove degustava i piatti più tradizionali della cucina della Navarra, di cui il
suo preferito era l'ajoarriero con i gamberi, ricetta firmata dal suo amico Matías Anoz.
A Pamplona, questo percorso turistico passa per una dozzina di luoghi, di cui
imperdibili sono il Café Iruña, uno dei preferiti di Hemingway, e il Gran Hotel La
Perla dove lo scrittore alloggiò nella stanza 217, con vista sulla via Estafeta, per poter
vedere gli encierros.
L’itinerario per Pamplona è una comoda passeggiata a piedi che può essere realizzata
nell’arco di una giornata. Tuttavia, fuori dalla capitale ci sono altri bellissimi luoghi
della Navarra vissuti ed amati da Hemingway. Si tratta di località come Auritz-
Burguete, Aribe, Lekunberri
e Yesa, scelte dallo scrittore per riposare, godere del
panorama e dedicarsi a una delle sue più grandi passioni: la pesca. Di queste
scampagnate è rimasta traccia nel viaggio nelle valli pirenaiche di Jake Barnes e Bill
Gorton, i protagonisti di "Fiesta".

Commenta il post