Kenya al top al Segera Retreat

Pubblicato il da Saretta80

Kenya al top al Segera Retreat

Oggi vi portiamo a scoprire un hotel davvero fuori dall'ordinario, dove vivere indimenticabili esperienze a contatto con la meravigliosa fauna africana. Si tratta del Segera Retreat (www.segera.com), paradisiaco rifugio in terra keniana aperto nel 2013 e già considerato uno dei migliori alberghi del mondo.
Situato nel cuore dell'altopiano Laikipia (altitudine media 1.700 - 1.800 m) che si snoda tra il monte Kenya a est e la Great Rift Valley a ovest, il Segera è un eco resort circondato da 50.000 acri di terreno privato, all'interno di una più ampia area protetta resa rigogliosa e popolata di animali grazie alla presenza di numerosi corsi d'acqua, tra cui il fiume Segera (a sud), da cui la struttura prende il nome. L’ambiente è caratterizzato da una savana boschiva che si alterna a praterie e ospita un importante corridoio migratorio per elefanti e numerosi altri mammiferi, oltre ad offrire riparo a specie animali in via d’estinzione.

Segera si integra completamente con il territorio che lo ospita: le sue politiche ecosostenibili prevedono il recupero delle acque piovane e il loro impiego per annaffiare i giardini, i rifiuti vengono compostati e riciclati ove possibile e le lussuose ville che compongono la struttura sono energeticamente autonome grazie ai pannelli solari.
Mr. Jochen Zeitz è il proprietario del resort e fondatore della Zeitz Foundation for Intercultural Ecosphere® Safety, organizzazione senza scopo di lucro il cui obbiettivo è mantenere, migliorare e promuovere l’integrità dell’ecosistema attraverso pratiche di sostenibilità guidate dalla filosofia delle 4C, che unisce i concetti di conservazione, comunità, cultura e commercio. Un’idea di business che si integri con persone e luoghi in cui opera, al fine di garantire che le risorse utilizzate vengano esaltate e mantenute per il futuro: ogni particolare, al Segera, è gestito in questo modo.
Al centro dell’attenzione c’è la conservazione del territorio e della fauna locali (attività di protezione degli animali, riforestazione, controllo dei corsi d’acqua…), senza le quali il resort stesso non avrebbe senso di esistere. Poi viene l’integrazione con le comunità locali Samburu, Turkana e Borana, dedite alla pastorizia ma molto abili anche nelle attività di artigianato (monili e concia delle pelli), generalmente realizzate dalle donne dei villaggi locali. Quindi la cultura, che fa da filo conduttore alla permanenza nella struttura: pezzi di arte contemporanea africana che fanno parte della Collezione Zeitz sono collocati nelle ville, nelle aree comuni e nei giardini. Infine, per quanto riguarda il commercio, la Fondazione supporta le comunità autoctone con incentivi e progetti che sviluppano l’artigianato, l’apicoltura e l’agricoltura sostenibile, per dare un impulso all’economia locale al fine di finanziare strutture e servizi quali scuole, impianti idrici e linee elettriche. La filosofia delle 4C è diventata anche un museo all’interno del Segera Retreat, il Center for the 4Cs (C4C).

Si è ospitati in 6 ville di legno e paglia costruite su palafitte sopraelevate, dalle cui terrazze private si gode uno splendido panorama, comodamente accomodati su sdraio prendisole o immersi nelle vasche idromassaggio esterne. In alternativa si può alloggiare nella Segera House, struttura per quattro persone, con soggiorno, terrazza panoramica rialzata, giardino privato e piscina salata, oppure nella Villa Segera, dedicata agli innamorati. Un rifugio romantico composto da due edifici in legno collegati da un ponte, con veranda, area lounge, giardino privato e piscina di acqua salata.
Durante il soggiorno si possono fare safari diurni e notturni a bordo di jeep 4x4, tour guidati nella natura, passeggiate a dorso di cammello, visite al giardino botanico e alla galleria d’arte. Piscina, spa, palestra e centro yoga sono a disposizione degli ospiti, così come la raffinata gastronomia della cucina.
Ogni pasto può essere personalizzato secondo il gusto e le esigente degli ospiti ed è possibile scegliere in quale location si desidera che venga servito: nelle ville private, a bordo piscina, sulle terrazze o nella torre dei vini, in ogni luogo si decida di consumarlo, gusto e impagabile vista saranno presenti.
Le materie prime derivano dalle coltivazioni del resort o da quelle di fattorie vicine, sostenendo così non solo la freschezza e la genuinità dei prodotti, ma anche l’economia locale.

Commenta il post