travel

Cami de Cavalls a Minorca

Cami de Cavalls - Minorca

Il Cami de Cavalls a Minorca, alla scoperta delle spiagge più belle lungo il celebre sentiero escursionistico da fare a piedi, a cavallo o in bici.

Cosa fare a Minorca: il Cami de Cavalls

Se vuoi scoprire Minorca da una prospettiva diversa ti consiglio di fare un’escursione lungo il Cami de Cavalls, il Cammino dei Cavalli. Si tratta dello storico percorso di 186 km che circonda tutta l’isola attraversando spiagge sabbiose, calette rocciose, boschetti ombrosi, ambienti selvaggi, località turistiche, borghi sperduti, grotte e siti archeologici che risalgono al Neolitico e testimoniano della lunga storia di questa isola delle Baleari. Ma soprattutto, il Cami de Cavalls ti consente di raggiungere alcune delle spiagge più spettacolari e inaccessibili di Minorca.

Ne avevo sempre sentito parlare, ma solo durante il mio recente viaggio nell’isola delle Baleari per seguire la convention del tour operator Veratour, ho avuto finalmente l’occasione di percorrerne uno dei tratti più suggestivi.

Alloggiavo infatti al villaggio Lord Nelson di Santo Tomas e così un pomeriggio, dopo aver mandato il pezzo al giornale, ho approfittato del fatto che il Cami de Cavalls passasse proprio sotto l’albergo per fare una bella passeggiata fino a Son Bou. Ecco come è andata.

Cami de Cavalls - Minorca -Santo Tomas

Cos’è il Cami de Cavalls a Minorca

Il tracciato del Cami de Cavalls corrisponde al GR 223 della rete spagnola dei Senderos de Gran Recorrido, ma risale addirittura al Medioevo, quando fu costruito per collegare torri di avvistamento e fortini distribuiti lungo la costa di Minorca e in seguito facilitare il trasporto di truppe e artiglieria. Tuttavia la sua origine è avvolta dal mistero, secondo alcune teorie è stato creato dai francesi durante i diversi periodi di invasione dell’isola, mentre secondo altri studi sarebbe stato creato dalla popolazione locale nel XIV secolo.

Comunque sia, fin dall’inizio aveva una funzione di difesa e controllo dell’isola, pertanto era pattugliato da soldati a cavallo, da cui deriva il nome Cami de Cavalls (cavalls significa “cavalli” in catalano).

Cami de Cavalls - Minorca

Cami De Cavalls: informazioni pratiche

L’intero percorso si sviluppa in totale per circa 186 chilometri, abbracciando tutta l’isola. Ma non preoccuparti se non hai il tempo o la voglia di percorrerlo tutto, perché è diviso in 20 tappe, ognuna delle quali misura tra i 5 e i 14 km, l’equivalente di una bella passeggiata da fare in giornata.

Tieni conto poi che tutti i punti di partenza e di arrivo possono essere comodamente raggiunti in auto o con i mezzi pubblici: in questo modo è possibile percorrere il tratto che si preferisce, in base a dove si soggiorna, al proprio allenamento e al tempo a disposizione.

Come detto, il percorso può essere intrapreso da qualsiasi punto, ma il chilometro zero si trova nel porto di Mahon, dove inizia la prima tappa. Il livello di difficoltà è mediamente basso ed è quindi adatto a tutti, anche ai meno allenati. Naturalmente è ben segnalato, con pannelli informativi ogni 50-100 metri, quindi non c’è assolutamente il rischio di perdersi.

Cami de Cavalls Minorca6

Per l’escursione ti consiglio un paio di scarpe comode, le sneakers vanno benissimo, e poi acqua o bevande per circa 2-3 ore. Se è una giornata soleggiata, cosa abbastanza frequente a Minorca, non dimenticare un cappello, un asciugamano e ovviamente il costume da bagno, perché di sicuro troverai sul tuo cammino spiagge e calette irresistibili.

Cami de Cavalls a piedi, in bici o a cavallo?

Storicamente, il Cami de Cavalls a Minorca è stato utilizzato per diffondere notizie di eventuali invasioni imminenti durante il turbolento passato dell’isola. Nei secoli, il sentiero è stato calpestato da forze di occupazione moresche, catalane, francesi, inglesi, e per questo la popolazione locale si guardava bene dal frequentarlo. Anche per il timore delle malattie che potevano essere portate dall’Europa continentale, i minorchini hanno sempre evitato le zone costiere dell’isola e molti abitanti trascorrevano l’intera esistenza senza mai vedere il mare.

Persa la sua funzione difensiva, il Cami de Cavalls è stato infine abbandonato e frequentato solo dai pastori con i loro greggi. Risistemato in tempi recenti, può essere ora percorso al ritmo lento di un’escursione a piedi, in bici o a cavallo.

Cami de Cavalls - Minorca

Da Santo Tomás a Son Bou: Tappa 15 del Camí de Cavalls

Quella che ho percorso io è la tappa 15 del Camí de Cavalls, che è anche una delle più popolari. Corre lungo la costa meridionale che va dalla spiaggia di Santo Tomás alla spiaggia di Son Bou (la spiaggia più lunga di Minorca): sono circa 3 km di cammino molto facile che può essere percorso in meno di 2 ore sia a piedi che in bicicletta o in mountain bike.

In questo caso, l’unica difficoltà è proprio al termine della spiaggia di Santo Tomás dove bisogna scendere dalla bici per salire alcuni gradini scavati nella roccia e superare un pendio rocciosi piuttosto ripido, ma per il resto è abbastanza pianeggiante fino a Son Bou.

Il sentiero segue infatti la zona costiera tipica della zona centrale di Minorca, praticamente priva di irregolarità, immersa in un paesaggio abbastanza uniforme in cui crescono erbe selvatiche tipicamente mediterranee.

Cami de Cavalls Minorca5

Il percorso inizia all’estremità occidentale di Santo Tomás e si immerge quasi subito in una foresta costiera per poi ridiscendere verso la spiaggia di Atalis. Da questo punto si scorgono già le dune della spiaggia di Son Bou, che però non raggiungiamo direttamente.

Il sentiero si dirige infatti verso l’interno, seguendo il Torrente de Sa Vall e confinando con la laguna Prat de Son Bou dove la vegetazione è rigogliosa, tipica di un’area umida. Entrati nell’urbanizzazione di Son Bou, l’ultimo tratto del percorso si svolge sull’asfalto, ma proseguendo verso la spiaggia si arriva fino alla Basilica paleocristiana di Son Bou, uno dei più antichi edifici religiosi di Minorca, risalente agli inizi del V secolo. Di forma rettangolare, presenta tre navate separate da pilastri e un portico, mentre all’esterno è visibile una necropoli di tombe scavate nella roccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *